Ricerca Avanzata
Visite
1510
Data aggiornamento: 2012/04/22
Domanda concisa
Nel nobile versetto: "وَمَنْ عَادَ فَینتَقِمُ اللّهُ مِنْهُ وَاللّهُ عَزِیزٌ ذُو انْتِقَامٍ" “Ma Allah si vendicherà sui recidivi. Allah è potente e padrone della vendetta”, qual è la causa della vendetta?
Domanda
Nel nobile versetto: "وَمَنْ عَادَ فَینتَقِمُ اللّهُ مِنْهُ وَاللّهُ عَزِیزٌ ذُو انْتِقَامٍ" “Ma Allah si vendicherà sui recidivi. Allah è potente e padrone della vendetta”, qual è la causa della vendetta?
Risposta concisa

Il versetto citato (95) nella domanda è il seguito dei versetti precedenti della sura al-Ma'ida (5), che stabiliscono il divieto di caccia durante lo stato di ihram. In questo punto Iddio dice che si vendicherà’ di coloro che trasgrediscono il Suo limite - il divieto di caccia durante lo stato di ihram - e cacciano mentre sono in questo stato. La causa della vendetta di Dio è quindi la recidività nel peccato[1]. Se qualcuno ripete l’atto vietato di cacciare durante lo stato di ihram, Iddio si vendicherà di lui. Questo versetto mostra che il peccato di questo atto è talmente grande, che per coloro che lo ripetono, non c’è rimedio. In un primo momento (cioè se compiuto solo una volta) si risolve rimediando con l’espiazione (kaffarah) e con il pentimento, però ripetendo questo atto, Iddio si vendicherà dei trasgressori, perché Egli è Iddio, l’Invincibile e Padrone della vendetta; queste parole mostrano la grandezza del peccato del servo[2].

 

Questa domanda non ha una risposta dettagliata.

 


[1] Muhammad Javad Mughniyyah, Tafsir al-Kashshaf, vol. 3, pag. 128, Dar al-kutub al-islamiyyah, Teheran, 1424 AH.

[2] Cfr.: Seyyedeh Nosrat Amin, Makhzan al-Erfan dar Tafsir-e Qor'an, vol. 4, pag. 385, Nehdhat-e zanan-e mosalman, Teheran, 1982.

 

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

  • Qual è il significato di unicità di Dio nella creazione?
    1966 Teologia antica 2012/08/26
    Per unicità nella creazione s’intende che nel mondo del creato non esiste alcun creatore a parte Iddio il Sublime. Le creature contingenti, i loro esiti e azioni, nonché l’essere umano e tutte le invenzioni e scoperte, in realtà e senza esagerazione, sono creature di Dio. Tutto ciò che esiste nell’Universo, ...
  • Quali sono le soluzioni idonee ed efficaci per praticare appieno le proprie conoscenze?
    1197 Etica pratica 2011/05/18
    In base ai principi islamici la scienza ritenuta utile è quella da cui nascono buone azioni. Nonostante ciò, vediamo che alcuni sapienti trascurano le buone azioni; questo comportamento può essere causato da vari motivi: essi hanno imparato solamente dei concetti ma non sono dei veri sapienti; hanno calpestato il proprio ...
  • Iddio è soggetto alle leggi della fisica?
    1284 Teologia antica 2012/08/08
    Iddio stabilisce tutte le leggi della fisica ed essenzialmente non è soggetto a nulla oltre alla propria volontà, tranne se il suo volere sia quello di compiere le cose attraverso le loro cause. Inoltre la violazione di una legge dei mondi inferiori attraverso una forza superiore, è essa stessa una ...
  • Come si può curare l’invidia?
    5716 Etica teorica 2011/08/13
    L’invidia è un’inclinazione dell’animo per cui ci si sottovaluta, in seguito alla quale l’individuo desidera che un’altra persona non abbia un bene che possiede.Per guarire da quest’attitudine si consigliano le seguenti soluzioni:1.     Riflettere sui danni che l’invidia provoca sull’anima, la psiche, la religione e l’aldilà.2.     Rafforzare la fede in Iddio.3.     ...
  • Gli spazi vuoti di materia come quelli tra le stelle, fanno parte del mondo materiale?
    1357 Filosofia dell’etica 2012/01/19
    Gli spazi vuoti non possono essere considerati parte delle cose immateriali, infatti la loro esistenza dipende dalla materia. Per esempio se non esistessero le stelle e le galassie, non avrebbe senso parlare dello spazio fra di esse, oppure, supponendo che la parte interna di una bottiglia svuotata d’aria sia priva ...
  • Volevo sapere come viene calcolato al giorno d’oggi un nokhod d’oro, ossia a quanti grammi di oro corrisponde?
    1502 Diritto e Precetti 2012/03/18
    Se il numero dei giorni mestruali di una donna viene diviso in tre parti e l’uomo intrattiene un rapporto sessuale vaginale con la moglie durante la prima parte, per precauzione obbligatoria deve donare diciotto nokhod d’oro ai poveri; se il rapporto avviene nella seconda parte, nove nokhod e se ciò ...
  • Non è forse vero che siamo liberi di scegliere la nostra religione? Allora perché il Profeta (S) disse alle genti dello Yemen che dovevano accettare l’Islam o pagare la jizyah?
    2493 Teologia antica 2012/10/20
    Jizyah significa lasciare i non musulmani liberi di accettare la cittadinanza del governo islamico, senza bisogno che cambino la propria religione. È ovvio che essi devono pagare delle tasse per l’amministrazione degli affari dello stato al pari dei cittadini musulmani, ed è possibile che queste tasse siano inferiori alla quantità ...
  • Da dove bisogna incominciare per l’edificazione del sé e la purificazione dell’anima?
    1584 Etica pratica 2011/07/18
    Tazkiyyah significa purificare l’anima dalle impurità. Nel sacro Corano ci sono alcuni versetti che citano l’importanza della purificazione dell’anima. È necessario tuttavia sapere che il punto d’inizio della purificazione dell’anima e dell’edificazione del sé, è diverso per ogni persona. Per un individuo che non è musulmano, il primo passo è ...
  • Per porre delle domande inerenti alle regole islamiche, bisogna essere degli esperti?
    1089 Etica pratica 2011/11/21
    La conoscenza e l’apprendimento delle regole e delle scienze islamiche, dal punto di vista della profondità, constano di vari livelli:a.     Conoscenza elementare e superficiale: come l’apprendimento delle regole pratiche, l’etica e il credo.b.    Conoscenza argomentativa: per esempio l’apprendere le motivazioni giuridiche delle regole pratiche, etiche e del credo.c.     Conoscenza della ...
  • Quante sure del sacro Corano sono intitolate con i benedetti nomi dei Profeti divini (A)?
    1972 Esegesi 2012/03/18
    Sei sure del sacro Corano sono intitolate con nomi di Profeti (A): Nuh-Noè (71), Ibrahim-Abramo (14), Yunus-Giona (10), Yusuf-Giuseppe (12), Hud (11) e Muhammad (47). Gli esegeti sostengono, in base agli hadìth, che alcune sure del Corano come Taha (20)[1], Yasin (36)[2], al-Muddaththir (74)[3] e al-Muzzammil (73)[4] si riferiscono al profeta ...

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    13741 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza anche degli Imam (A).Inoltre il Corano accetta ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    11122 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è il suo pensiero ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    9305 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.Con il termine cuore in questo ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    7802 Filosofia del diritto e dei precetti 2012/06/06
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico l’hajj consiste di ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    7660 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto di questo percorso paludoso e putrido, costituisce ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    6712 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello sciismo rispetto alle altre scuole islamiche, riguarda la questione ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    6336 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano nei libri sunniti, non hanno una ...
  • Cos’è lo sharab tahur (bevanda purificante)?
    5843 Teologia antica 2010/10/07
    Sharab nella terminologia araba significa bevanda e tahur ciò che è puro e purifica. Dai vari versetti del Corano si comprende che in Paradiso sono presenti diverse bevande salubri, pure e di qualità diverse. In un versetto del Corano è stato utilizzato il termine sharab tahur: “E il loro Dio ...
  • Come si può curare l’invidia?
    5716 Etica teorica 2011/08/13
    L’invidia è un’inclinazione dell’animo per cui ci si sottovaluta, in seguito alla quale l’individuo desidera che un’altra persona non abbia un bene che possiede.Per guarire da quest’attitudine si consigliano le seguenti soluzioni:1.     Riflettere sui danni che l’invidia provoca sull’anima, la psiche, la religione e l’aldilà.2.     Rafforzare la fede in Iddio.3.     ...
  • Spiegate, in base alle varie esegesi, il significato del versetto 256 della seconda sura (al-Baqarah) del Corano: “Non c’è nessuna costrizione nella religione ...”.
    4988 Teologia antica 2010/08/14
    In base alle varie esegesi, in totale sono state esposte cinque opinioni sul significato di questo nobile versetto. L’opinione corretta è la seguente: “Il versetto esprime un messaggio generale, universale e umano, ovvero che la religione è una questione di credo e cuore, la costrizione e l’obbligo sono impossibili e ...

Links