Ricerca Avanzata
Visite
1271
Data aggiornamento: 2012/06/21
Domanda concisa
Quando fu rivelato il versetto: \"وَ یُطْعِمُونَ الطَّعامَ عَلى‏ حُبِّهِ مِسْکیناً وَ یَتیماً وَ أَسیراً\" “[loro] che, nonostante il proprio bisogno, danno il proprio cibo al povero, l\'orfano e il prigioniero”?
Domanda
Quando fu rivelato il versetto: \"وَ یُطْعِمُونَ الطَّعامَ عَلى‏ حُبِّهِ مِسْکیناً وَ یَتیماً وَ أَسیراً\" “[loro] che, nonostante il proprio bisogno, danno il proprio cibo al povero, l\'orfano e il prigioniero”?
Risposta concisa

La maggior parte degli storici, degli esperti di hadìth e degli esegeti sciiti e sunniti sono convinti che alcuni dei versetti della sura Al-Insan (76), tra cui il versetto "[loro] che, nonostante il proprio bisogno …", furono rivelati in merito alla Famiglia dell'Inviato di Dio (S), ossia l'imam Alì, Fatima, Hasan e Husayn (A). La rivelazione avvenne durante il mese di zi al-hajjah allorché l'imam Alì e la nobile Zahra (A) adempirono un voto che avevano fatto per la guarigione dei loro due figli, Hasan e Husayn (A).

Ibn 'Abbas al riguardo disse: "Gli imam Hasan e Husayn (A) si erano ammalati seriamente, a tal punto che tutti i compagni del Profeta li andarono a trovare e tra di loro c'erano anche Abu Bakr e Omar. [I compagni] dissero: «O Abu al-Hasan (Alì), sarebbe stato meglio fare un voto a Dio». Alì (A) rispose: «Faccio voto che quando Iddio avrà guarito i due nipoti del Suo profeta Muhammad (S), digiunerò tre giorni». Fatima udì quelle parole e disse: «Per Dio, accetto anch'io il voto che hai fatto tu». Anche Hasan e Husayn sentirono e dissero: «O padre, per Dio, accettiamo anche noi il voto che hai fatto tu». Iddio li guarì ed essi, per rispettare il proprio voto, digiunarono tre giorni. Il primo giorno, al momento dell'iftar, bussò alla porta di casa un povero che chiedeva del cibo e gli diedero un po' di pane che avevano messo da parte per l'iftar; lo stesso accadde il secondo giorno con un orfano e il terzo giorno con un prigioniero; di conseguenza digiunarono tre giorni di seguito, interrompendo il digiuno solamente con dell'acqua, e a quel punto furono rivelati questi versetti".

Risposta dettagliata

La maggior parte degli storici, degli esperti di hadìth e degli esegeti sciiti e sunniti[1] sono convinti che alcuni dei versetti della sura Al-Insan (76), tra cui il versetto "[loro] che, nonostante il proprio bisogno …", furono rivelati in merito alla Famiglia dell'Inviato di Dio (S), cioè l'imam Alì, Fatima, Hasan e Husayn (A). La rivelazione avvenne durante il mese di zi al-hajjah allorché l'imam Alì e la nobile Zahra (A) adempirono un voto che avevano fatto per la guarigione dei loro due figli, Hasan e Husayn (A).

In merito alla maniera in cui fu compiuto il voto e furono sfamati il povero, l'orfano e il prigioniero da parte della Gente della Casa (A), esistono due versioni:

La versione più nota

Ibn Abbas riguardo al versetto "[loro] che, nonostante il proprio bisogno …"[2], disse: "Gli imam Hasan e Husayn (A) si erano ammalati seriamente, a tal punto che tutti i compagni del Profeta li andarono a trovare e tra di loro c'erano anche Abu Bakr e Omar. [I compagni] dissero: «O Abu al-Hasan (Alì), sarebbe stato meglio fare un voto a Dio». Alì (A) rispose: «Faccio voto che quando Iddio avrà guarito i due nipoti del Suo profeta Muhammad (S), digiunerò tre giorni». Fatima (A) udì quelle parole e disse: «Per Dio, accetto anch'io il voto che hai fatto tu». Anche Hasan e Husayn (A) sentirono e dissero: «O Padre, per Dio, accettiamo anche noi il voto che hai fatto tu». Iddio li guarì ed essi digiunarono"[3]. Dopo che gli Hasanayn (Hasan e Husayn – A) furono guariti, il nobile Alì (A) si recò dal loro vicino Sham'un Yahudi. Quest'ultimo consegnò un po' di lana da filare all'Imam (A) e come ricompensa per il lavoro svolto gli diede tre manciate d'orzo. La nobile Zahra (A) macinò l'orzo e preparò cinque pezzi di pane per l'iftar di cinque persone[4]. Tornato a casa dalla preghiera del maghrib (tramonto) per consumare l'iftar, l'imam Alì (A) non ebbe nemmeno il tempo di allungare le mani per afferrare il pane, che un individuo alla porta di casa, presentandosi come un musulmano bisognoso, chiese di essere sfamato aggiungendo che in cambio Iddio avrebbe donato loro i cibi del Paradiso. L'imam Alì (A) diede il proprio pane al povero e anche Fatima, Hasan, Husayn (A) e Fidhdhah lo imitarono donando il proprio pane e bevendo solo acqua per l'iftar. Anche il secondo giorno digiunarono e nuovamente Fatima (A) preparò cinque pezzi di pane per l'iftar; quando giunse il momento dell'iftar si alzò una voce: "Al-salam 'alaykum ya Ahl bayt al-nubuwwah wa ma'din al-risalah (pace a voi o Gente della Casa della profezia e miniera della missione profetica). Sono un musulmano orfano, datemi qualcosa da mangiare". Pure quella sera tutti donarono il proprio pane e interruppero il digiuno con l'acqua. All'iftar del terzo giorno di digiuno, una voce disse: "Sono un prigioniero, ho fame, sfamatemi"[5]. Nuovamente (tutti e cinque) offrirono il proprio pane e sopportarono la fame.

Il quarto giorno l'imam Alì (A) prese la mano di Hasan e Husayn (A) tremanti per la debolezza e li portò dall'Inviato di Dio (S). Quando l'Inviato (S) li vide diventò molto triste e li invitò ad alzarsi e a dirigersi verso la stanza di Fatima (A). La trovarono intenta a recitare orazioni mentre tremava per la fame; il suo nobile ventre e i suoi occhi erano rientrati. Quando l'Inviato di Allah (S) vide la sua famiglia ('itrat) in questo stato invocò Iddio e pregò poiché la propria famiglia stava morendo di fame: si manifestò Gabriele che rivelò i versetti della sura Al-Insan (76) da:

"یوفُونَ بِالنَّذْرِ"

"Coloro che assolvono ai loro voti …"

a:

"إِنَّ هذا کانَ لَکُمْ جَزاءً وَ کانَ سَعْیکُمْ مَشْکُوراً".

"In verità questo vi sarà concesso in ricompensa e il vostro sforzo sarà riconosciuto"[6] [7].

Versione meno nota

Un'altra versione narra che la nobile Zahra (A) aveva preparato un po' di cibo per l'iftar e una volta giunto tale momento, si presentò un povero chiedendo del cibo; Alì (A) gli diede un terzo del cibo; successivamente arrivò un orfano al quale diede un'altra parte e infine si presentò un prigioniero cui diede l'ultima parte del cibo. Tutto ciò accadde in una sera, il cibo fu suddiviso in tre parti e tutte e tre furono donate; di conseguenza Alì e la sua famiglia (A) interruppero il digiuno con sola acqua. A quel punto furono rivelati i versetti "In verità questo vi sarà concesso in ricompensa e il vostro sforzo sarà riconosciuto".

È degno di nota che queste grandi ricompense sono il risultato di sforzi e atti costruttivi del proprio animo. Gli sforzi di tutti i credenti che agiscono con tale umiltà e solamente per Allah, rimangono custoditi presso Iddio[8].

In conclusione, secondo l'opinione della maggior parte dei sapienti sciiti e sunniti, questi versetti furono rivelati in merito alla famiglia ('itrat) del Profeta (S), cioè il nobile Alì, Fatima, Hasan e Husayn (A). La rivelazione avvenne nel mese di zi al-hajjah, allorché l'imam Alì e la nobile Fatima (A) adempirono il voto che avevano compiuto per la guarigione degli Hasanayn (A).

 

[1] Cfr.: Tabarsi, Majma' al-Bayan fi Tafsir al-Qur'an, traduttori vari, vol. 26, pp. 147 e 148, Farahani, Teheran, prima stampa, 1981.

[2] Sacro Corano, 76:8.

[3] Ya'qub Ja'fari, Sima-ye emam Alì (A) dar Qor'an, pag. 364, Osve, Qom, prima stampa, 2002.

[4] Secondo la narrazione che pure Fidhdhah fece lo stesso voto dei quattro Infallibili di cui parla il versetto in oggetto.

[5] "È possibile che ci si chieda come sia possibile che, secondo questo contesto di rivelazione, un prigioniero si fosse presentato alla porta di Alì (A)?! I prigionieri non erano forse in prigione? Bisogna dire che secondo ciò che è stato riportato nella storia, all'epoca del Profeta (S), non esisteva assolutamente alcuna prigione e quel Nobile (S) suddivideva i prigionieri e li affidava ai musulmani, invitandoli a prendersene cura  e a comportarsi bene con loro. A volte quando non avevano la possibilità di procurare loro del cibo, si facevano aiutare dagli altri musulmani per sfamare i prigionieri; li accompagnavano o addirittura li mandavano da soli dagli altri musulmani perché li aiutassero, poiché a quel tempo i musulmani erano molto disagiati. Naturalmente quando il governo islamico si espanse e il numero dei prigionieri, e financo quello dei delinquenti, aumentò, furono create le prigioni e i bisogni dei delinquenti venivano soddisfatti utilizzando il bayt al-mal (erario)". (Naser Makarem Shirazi, Tafsir-e Nemuneh, vol. 25, pag. 354, Dar al-kutub al-islamiyyah, Teheran, 1995.)

[6] Sacro Corano, 76:7-22.

[7] Seyyedeh Nosrat Amin, Makhzan al-'Irfan fi Tafsir al-Qur'an, vol. 14, pp. 239, Nehzat-e zanan-e mosalman, Teheran, 1982.

[8] Mohammad Baqer Majlesi, Bihar al-Anwar, vol. 35, pag. 243, Mu'assisat al-wafa', Beirut, 1409 AH.

 

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

  • È un po’ di tempo che ho perso del tutto la fede, sono preoccupato per la mia fine, che cosa devo fare?
    979 Etica pratica 2011/05/22
    Generalmente i giovani hanno un animo critico e dubbioso. È normale che i giovani mettano in dubbio le proprie credenze, però bisogna considerare che alla fine una risposta si trova. Le tentazioni sataniche in questo periodo della vita aumentano per cercare di deviare la persona.Pensare a ciò che lei descrive, ...
  • Guardando il mondo attorno a noi ci rendiamo conto che la maggior parte della gente è inclinata al male e alla corruzione...
    1173 Teologia moderna 2010/07/18
    L’essere umano, secondo la sua indole, è alla ricerca di Dio e della verità, infatti, la maggior parte della gente risponde a quest’attrazione [divina]. Gli esseri umani per natura seguono la verità, però in alcuni casi sbagliano nel riconoscerla. In realtà sono alcuni fattori esterni e interni che deviano la ...
  • È un problema parlare con una ragazza che non abbiamo mai incontrato?
    1070 Diritto e Precetti 2013/07/06
    Dal punto di vista della sacra religione islamica ogni tipo di rapporto prima del matrimonio tra una ragazza e un ragazzo, diretto o indiretto, se fatto con l’intenzione di provare piacere (sessuale) o c’è il timore di commettere peccato a causa di questo rapporto, non è permesso. Per quanto riguarda invece ...
  • Quali sono i nomi del Corano?
    1901 Scienze Coraniche 2011/04/30
    Il Corano viene chiamato con molti nomi, ma solo una parte di essi è conosciuta dai musulmani. Tuttavia alcuni di questi termini, che vengono definiti nomi del Corano, in quest’ultimo sono utilizzati come attributi. Le varie opinioni riguardo ai criteri per distinguere i nomi dagli attributi, sono la causa del ...
  • Che cosa dobbiamo fare per non subire la “pressione della tomba”?
    1395 Etica pratica 2011/07/14
    Per “tomba” non s’intende la vera e propria tomba fisica, infatti non avviene alcun cambiamento nel luogo in cui viene sepolto il defunto, inoltre, alcuni muoiono in situazioni in cui nulla rimane del loro corpo oppure non saranno mai seppelliti. Sono stati citati vari fattori negli hadìth per non subire ...
  • Che cosa s’intende per alba vera e alba apparente?
    1075 Diritto e Precetti 2011/05/08
    Le locuzioni alba vera e alba apparente appartengono alla terminologia della giurisprudenza e dell’astronomia islamica, con esse s’intendono due momenti specifici della giornata. L’alba apparente inizia quando si scorge un chiarore da oriente e in tale momento non si può ancora recitare la preghiera dell’alba. L’alba vera incomincia quando quel ...
  • Gli angeli sono materiali o immateriali?
    1281 Filosofia Islamica 2010/11/09
    Forse i nobili versetti e gli hadìth non menzionano esplicitamente l’immaterialità degli angeli; essa può però essere dedotta dalle descrizioni, caratteristiche e azioni citate riguardo agli angeli; infatti tali descrizioni nei versetti, negli hadìth e discorsi dei sapienti sono più coerenti con la loro immaterialità, addirittura alcune di queste caratteristiche ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    2898 Diritto e Precetti 2011/05/22
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole islamiche, affinché la ...
  • L’influenza della du'a è condizionata dalla sua recitazione in arabo?
    1414 Etica pratica 2011/07/18
    Questa domanda non ha una risposta concisa; selezionate la risposta dettagliata. ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    2978 Diritto e Precetti 2011/12/21
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta[1].[2]Non è pertanto un problema radere con gli strumenti citati i peli ...

Le più visitate

  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    7102 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.Con il termine cuore in questo ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    6454 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto di questo percorso paludoso e putrido, costituisce ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    5140 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano nei libri sunniti, non hanno una ...
  • Come si può curare l’invidia?
    4937 Etica teorica 2011/08/13
    L’invidia è un’inclinazione dell’animo per cui ci si sottovaluta, in seguito alla quale l’individuo desidera che un’altra persona non abbia un bene che possiede.Per guarire da quest’attitudine si consigliano le seguenti soluzioni:1.     Riflettere sui danni che l’invidia provoca sull’anima, la psiche, la religione e l’aldilà.2.     Rafforzare la fede in Iddio.3.     ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    4262 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello sciismo rispetto alle altre scuole islamiche, riguarda la questione ...
  • Spiegate, in base alle varie esegesi, il significato del versetto 256 della seconda sura (al-Baqarah) del Corano: “Non c’è nessuna costrizione nella religione ...”.
    4100 Teologia antica 2010/08/14
    In base alle varie esegesi, in totale sono state esposte cinque opinioni sul significato di questo nobile versetto. L’opinione corretta è la seguente: “Il versetto esprime un messaggio generale, universale e umano, ovvero che la religione è una questione di credo e cuore, la costrizione e l’obbligo sono impossibili e ...
  • Il Diavolo (Iblis) è un angelo o un jinn?
    4062 Esegesi 2010/11/22
    Esistono diverse opinioni riguardo alla questione se il Diavolo sia un angelo o un jinn.La fonte di questa discordanza la troviamo nella narrazione della creazione di Adamo (pace su di lui) quando gli angeli, su ordine di Dio, si prosternarono di fronte ad Adamo mentre Satana disobbedì.Coloro che affermano che ...
  • Cos’è lo sharab tahur (bevanda purificante)?
    3696 Teologia antica 2010/10/07
    Sharab nella terminologia araba significa bevanda e tahur ciò che è puro e purifica. Dai vari versetti del Corano si comprende che in Paradiso sono presenti diverse bevande salubri, pure e di qualità diverse. In un versetto del Corano è stato utilizzato il termine sharab tahur: “E il loro Dio ...
  • Il detto dell’Imam Alì (A): “Abbandonatemi e cercato qualcun altro all’infuori di me!”, non è in contrasto col credere che l’imamato sia un incarico divino?
    3435 Teologia antica 2011/02/08
    Il fatto che l’incarico dell’imamato e della wilayah di Alì (A) sia da parte divina e Iddio lo abbia scelto per questo, è stato dimostrato con validi e sicuri motivi. Riguardo al significato del detto di Alì (A): “Abbondonatemi e cercato qualcun altro all’infuori di me!”, dobbiamo ricordare che nonostante ...
  • Chi era la tribù di Gog e Magog? Che fine ha fatto? Come reagì Zu al-Qarnayn di fronte ad essa?
    3260 Esegesi 2011/05/09
    Dall’insieme dei versetti del Corano, delle informazioni della Bibbia e delle testimonianze storiche, si può concludere che queste popolazioni risiedevano nei territori nord-asiatici e con le loro barbare invasioni sconvolgevano i territori meridionali e occidentali. Grazie alla barriera di Zu al-Qarnayn, la loro invasione fu fermata per lungo tempo ma ...

Links