Ricerca Avanzata
Visite
1459
Data aggiornamento: 2012/07/24
Domanda concisa
Chi era Ubayy ibn Ka\'b?
Domanda
Chi era Ubayy ibn Ka\'b? La Famiglia del Profeta (A) che opinione aveva in merito a lui e quali dei loro hadìth sono stati narrati da lui?
Risposta concisa

Ubayy ibn Ka'b era uno dei compagni più noti del Profeta dell’Islam (S) ed è rispettato da tutti i musulmani, sia sciiti che sunniti. Nelle fonti sciite vi sono pochi hadìth narrati da lui, e gli esperti di rijal lo considerano uno dei compagni dell'Inviato di Dio (S) e uno scrivano della Rivelazione. Dagli hadìth da lui narrati, si evince la sua devozione per la Famiglia del Profeta (A) e in particolar modo per l'imam Alì (A).

Risposta dettagliata

Ubayy ibn Ka'b era uno dei compagni più noti del Profeta dell’Islam (S), uno dei recitatori di Corano ed esperto nell'arte di tale recitazione[1]. Egli è rispettato da tutti i musulmani, sia sciiti che sunniti[2]. Nelle fonti sciite vi sono pochi hadìth che lo riguardano, e gli esperti di rijal lo considerano uno dei compagni dell'Inviato di Dio (S) e uno scrivano della Rivelazione[3]. Dagli hadìth da lui narrati, si evince la sua devozione per la Famiglia del Profeta (A) e in particolar modo per l'imam Alì (A).

Tra gli hadìth pervenutici tramite le fonti sciite, vi sono i suoi discorsi sulla vicenda della successione al Profeta dell’Islam (S); per esempio ha narrato alle genti con rigore la vicenda di Ghadir Khum e l’hadìth del Profeta (S) riguardante la successione, e ha esposto loro delle argomentazioni contro gli usurpatori del califfato.

Tabarsi nel libro Ihtijaj ha narrato dettagliatamente i discorsi di Ubayy ibn Ka'b di cui citeremo solo alcune parti per riassumere:

Dopo il sermone di Abu Bakr [il primo venerdì del mese di Ramadan], Ubayy ibn Ka'b si alzò e fece questo discorso: “O Muhajir (emigranti) [dalla Mecca], che avete considerato il compiacimento di Dio e siete stati oggetto dell'elogio divino nel Corano e, o Ansar [abitanti di Medina], che avete scelto di stabilirvi nella Città della Fede (Medina) e per questo motivo Iddio nel Corano vi ha elogiato, avete dimenticato o fate finta di aver dimenticato?! Avete modificato il vostro patto o avete cambiato religione?! Oppure avete preferito l’abiezione o siete diventati impotenti?! Avete dimenticato che l’Inviato di Dio (S) [il giorno di Ghadir] si è alzato in mezzo a noi e ha posto Alì (A) di fronte a noi dicendo: «Di chiunque io sia il mawla, Alì è il suo mawla, e per chiunque io sia il profeta, Alì è il suo principe»?! Avete dimenticato che l’Inviato di Dio (S) gli disse: «O Alì la tua posizione presso di me è come quella di Aronne presso Mosè, tranne per il fatto che dopo di me non ci sarà nessun altro profeta. L’obbedienza del popolo a te dopo di me è obbligatoria come la loro obbedienza a me mentre sono vivo»?!

Avete dimenticato il discorso del Profeta (S) in cui diceva: «Ogni qual volta ero assente da voi e ho scelto Alì come vostro califfo, ho designato per voi un individuo come me»?

Avete dimenticato che il Profeta (S) prima della sua morte ci riunì a casa di Fatima (A) e disse: ‘Iddio l'Altissimo ha rivelato a Mosè: «Scegli un fratello della tua gente e designalo come profeta, fai tuoi i figli della sua famiglia, per proteggerli da ogni danno e purificarli da ogni dubbio». Mosè scelse Aronne come fratello e stabilì i suoi figli come guide dei Bani Isra'il dopo di lui. Adesso Iddio mi ha rivelato che [allo stesso modo di Mosè con Aronne]: «Scegli Alì come fratello e considera i suoi figli come tuoi [designali come imam del popolo] perché Io li ho purificati come ho fatto con i figli di Aronne. Sappi, O Profeta, che con te è terminata la profezia e dopo di te non ci sarà alcun altro profeta»’?; quei figli sono gli stessi Imam guidati. Giuro su Dio che voi dopo la morte del Profeta avete rotto il suo patto e avete dissentito sulla questione della sua Famiglia ('itrat) e altri in questa questione hanno dato la loro opinione personale”[4].

Tutto ciò dimostra che Ubayy ibn Ka'b approvava la wilayah di Alì (A), al quale era fedele per raccomandazione del Profeta (S) e incitava anche gli altri ad accettare. Ubayy ibn Ka'b morì alcuni anni dopo la morte del Profeta (S). In merito alla data della sua morte i pareri sono discordi: alcuni affermano che sia avvenuta durante l'epoca di 'Uthman, mentre secondo Ibn Hajar nel libro Al-Isabah sarebbe morto all’epoca di Omar nell’anno 22 AH[5].

Infine ricordiamo che nelle fonti sciite non esistono molti hadìth narrati da Ubayy ibn Ka'b e quindi non sono state trovate opinioni della Famiglia del Profeta (A) concernenti i suoi hadìth.

 


[1] Ibn Abd al-Birr, Al-Isty'ab fi Ma'rifat al-Ashab, vol. 1, pag. 65, Dar al-Jalil, Beirut, 1412 AH.

[2] Per esempio nelle fonti sunnite è stato spiegato che il secondo califfo lo aveva soprannominato “Signore dei Musulmani” (Sayyid al-muslimin); cfr.: Ibn Athir, Usd al-Ghabah, vol. 1, pag. 61, Dar al-fikr, Beirut, 1409 AH.

[3] Allamah Hilli, Kitab Rijal, pag. 22, Dar al-zhakha'ir, Qom, 1411 AH.

[4] Fadhl ibn Hasan Tabarsi, Ihtijaj, traduzione persiana di Mazandarani, vol. 1, pp. 254-260, Entesharat-e islamiyyah, Teheran, 2002.

[5] Ibn Hajar 'Asqalani, Al-Isabah, vol. 1, pag. 181, Dar al-kutub al-'ilmiyyah, Beirut, 1415 AH.

 

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

  • In passato copiavo le cassette e i CD appartenenti ad alcune aziende. Dal momento che non conosco le aziende in questione, come posso risarcire loro i danni?
    1329 Diritto e Precetti 2012/08/30
    In merito al copyright e ai diritti spirituali, le opinioni dei marja' taqlid sono differenti: Gli ayatollah Khomeini, Tabrizi, Sistani e Safi sostengono che: “Fondamentalmente la creazione di software non stabilisce alcun diritto per il produttore e la loro duplicazione senza il permesso dei produttori è consentita”. Gli ayatollah Khamenei, Bahjat e ...
  • Considerando le varie accezioni del termine wilayah, qual è il suo vero significato?
    1553 Teologia antica 2010/12/22
    Wilayah proviene dalla radice “waw-lam-ya” e assume vari significati; tra questi, quello che ci interessa è “la tutela e l’amministrazione delle questioni affidate al mawla, il quale esercita un certo tipo di dominio su di esse”. Il significato tecnico invece è: la tutela di un individuo perfetto sugli altri, in ...
  • Si può vedere Iddio? Come?
    1295 Teologia antica 2011/04/20
    Secondo l’intelletto e la sharia non è possibile vedere Iddio con l’occhio umano esteriore, né in questo né nell’altro mondo, è tuttavia possibile contemplarLo con l’occhio interiore. I cuori, a seconda della loro capacità esistenziale, possono ammirarLo per mezzo della contemplazione interiore, dopo aver redento il proprio aspetto interiore attraverso ...
  • Che tipo di religione è l’ultima religione?
    1296 Teologia moderna 2010/06/30
    Con il termine “ultima religione” s’intende l’ultima religione rivelata,  cioè dopo la manifestazione di tale religione non sussistono più l’opportunità e la possibilità che sia inviato un altro profeta e una nuova religione.La perfezione della religione è una delle condizioni dell’ultimazione (khatamiyyat), nonché  l’immunità dall’alterazione. ...
  • Qual è il ruolo dell’etica nello sport?
    1690 Etica pratica 2012/04/11
    La religione islamica, in qualità di religione completa e universale, considera tutti gli aspetti di una vita sana, contemplando altresì tutte le vie che portano alla beatitudine in questo mondo e nell’Aldilà. A nessuno è celato il valore della salute fisica dal punto di vista islamico e, ovviamente, l’Islam approva ...
  • Quali sono i peccati che strappano i veli dell’infallibilità, sono la causa di catastrofi e del rifiuto delle invocazioni, ecc., citati nella du\'a Kumayl?
    1547 Etica pratica 2012/04/15
    In generale ogni peccato strappa i veli dell'infallibilità umana; ogni peccato può essere la causa di catastrofi, del rifiuto delle suppliche, della sottrazione del sostentamento, del pane quotidiano e delle benedizioni dalla vita umana, ecc. Fondamentalmente sono queste le caratteristiche e gli effetti naturali del peccato. Questo è ciò ...
  • Il nome di uno dei profeti era Isra'il? Che cosa aveva vietato a se stesso?
    2242 تاريخ بزرگان 2012/07/21
    Isra'il è il nome del nobile Giacobbe, uno dei profeti divini. Egli, per vari motivi, aveva vietato a se stesso il latte e la carne di cammello. Nel versetto novantatré della sura Ali 'Imran (III) Iddio dice: "كُلُّ الطَّعامِ كانَ حِلاًّ لِبَنِي إِسْرائِيلَ إِلاَّ ما حَرَّمَ إِسْرائِيلُ عَلى‏ نَفْسِهِ مِنْ قَبْلِ أَنْ ...
  • Qual è il segreto dell’enfasi che gli hadìth pongono sul compiere le azioni con la mano destra? È basato su una concezione reale o convenzionale?
    1203 Filosofia del diritto e dei precetti 2011/12/21
    Per ottenere una risposta adatta, la suddivideremo in tre parti:1.              Compiere o incominciare un’azione con la mano o il piede destro e l’importanza di ciò (riguarda questo mondo).2.              I “compagni della mano destra” e il fatto che il resoconto delle azioni sarà consegnato nella mano destra (riguarda l’aldilà).3.              Ciò è ...
  • È concesso recitare du'a per la gente peccatrice, per esempio il coniuge e i familiari?
    1180 Etica pratica 2011/09/18
    Negli insegnamenti religiosi la du'a e il suo effetto rivestono un’importanza particolare. Recitare suppliche per il coniuge, i familiari e i credenti, è uno dei diritti raccomandati negli insegnamenti islamici ed è evidente nella condotta degli Infallibili (A). ...
  • Qual è il modo migliore per presentare l’Islam e lo sciismo a un europeo?
    2349 Teologia antica 2011/01/20
    Il significato di Islam è sottomissione. La religione islamica è stata chiamata Islam poiché la sua dottrina generale consiste nella sottomissione dell’essere umano al Dio di questo mondo e dei suoi abitanti; in seguito a questa sottomissione l’individuo non adorerà altri all’infuori del Dio unico e non obbedirà che a ...

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    13779 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza anche degli Imam (A).Inoltre il Corano accetta ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    11137 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è il suo pensiero ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    9317 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.Con il termine cuore in questo ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    7815 Filosofia del diritto e dei precetti 2012/06/06
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico l’hajj consiste di ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    7673 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto di questo percorso paludoso e putrido, costituisce ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    6723 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello sciismo rispetto alle altre scuole islamiche, riguarda la questione ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    6351 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano nei libri sunniti, non hanno una ...
  • Cos’è lo sharab tahur (bevanda purificante)?
    5850 Teologia antica 2010/10/07
    Sharab nella terminologia araba significa bevanda e tahur ciò che è puro e purifica. Dai vari versetti del Corano si comprende che in Paradiso sono presenti diverse bevande salubri, pure e di qualità diverse. In un versetto del Corano è stato utilizzato il termine sharab tahur: “E il loro Dio ...
  • Come si può curare l’invidia?
    5732 Etica teorica 2011/08/13
    L’invidia è un’inclinazione dell’animo per cui ci si sottovaluta, in seguito alla quale l’individuo desidera che un’altra persona non abbia un bene che possiede.Per guarire da quest’attitudine si consigliano le seguenti soluzioni:1.     Riflettere sui danni che l’invidia provoca sull’anima, la psiche, la religione e l’aldilà.2.     Rafforzare la fede in Iddio.3.     ...
  • Spiegate, in base alle varie esegesi, il significato del versetto 256 della seconda sura (al-Baqarah) del Corano: “Non c’è nessuna costrizione nella religione ...”.
    4993 Teologia antica 2010/08/14
    In base alle varie esegesi, in totale sono state esposte cinque opinioni sul significato di questo nobile versetto. L’opinione corretta è la seguente: “Il versetto esprime un messaggio generale, universale e umano, ovvero che la religione è una questione di credo e cuore, la costrizione e l’obbligo sono impossibili e ...

Links