Ricerca Avanzata
Visite
1122
Data aggiornamento: 2012/04/24
Domanda concisa
Chi era Thawban? La Famiglia del Profeta (A) che opinione aveva su di lui e i suoi hadìth?
Domanda
Chi era Thawban? La Famiglia del Profeta (A) che opinione aveva su di lui e i suoi hadìth? Qual è il significato di mawla nella frase «Thawban è il mawla dell’Inviato di Allah»?
Risposta concisa

Thawban, che viene ricordato come il «Mawla dell’Inviato di Allah», era uno degli schiavi liberati grazie al Profeta (S); in seguito alla sua liberazione diventò uno dei compagni del Profeta (S) e dei devoti alla Famiglia del Profeta (A). In merito al suo immenso affetto per il Profeta (S) e la sua Famiglia (A) sono stati riportati degli hadìth in alcuni libri pertinenti.

Risposta dettagliata

Alcuni dei compagni dell’Inviato di Dio (S) si chiamavano Thawban, ma solo uno veniva descritto come il «Mawla[1] dell’Inviato di Allah»[2].

Thawban era dunque uno dei compagni dell'Inviato di Dio (S) e, dalle poche informazioni in nostro possesso,  possiamo perlomeno dedurre la sua immensa devozione al Profeta (S) e alla sua Famiglia ‍‎(A).

Nel libro Al-Rijal dello Shaykh Tusi è stato riportato che Thawban era un compagno del Profeta (S) e il suo patronimico era Aba 'Abdullah (padre di Abdullah)[3]. Secondo Asqalani, autore del libro Al-Isabah, Thawban era uno dei noti compagni del Profeta (S), che in principio era stato comprato dal Profeta (S) [come schiavo] e poi affrancato; tuttavia egli di sua spontanea volontà servì il Profeta (S) fino alla sua morte[4].

È degno di nota che nei nostri libri di hadìth attendibili, per esempio i quattro libri sciiti di hadìth più noti (al-kutub al-arba'ah), non sono stati narrati suoi hadìth, mentre negli altri libri pertinenti ne sono stati riportati alcuni. Tra gli hadìth che ci sono pervenuti riguardo a lui e nei quali si percepisce il suo affetto per l’Inviato di Dio (S) e la sua Famiglia (A), c’è ne uno in cui il Profeta (S) gli chiede che cosa provi per lui e la sua famiglia, e Thawban risponde:

«Giuro su Dio che se venissi fatto a pezzi con le spade, o il mio corpo venisse tagliato con le forbici, oppure venissi bruciato nel fuoco ... per me ciò sarebbe più facile dell’avere la minima impurità nel mio cuore rispetto a te, la tua famiglia e i tuoi compagni»[5].

Il Tabarsi nella sua esegesi Majma' al-Bayan in merito al versetto:

وَ مَنْ يُطِعِ اللَّهَ وَ الرَّسُولَ فَأُولئِكَ مَعَ الَّذينَ أَنْعَمَ اللَّهُ عَلَيْهِمْ مِنَ النَّبِيِّينَ وَ الصِّدِّيقينَ وَ الشُّهَداءِ وَ الصَّالِحينَ وَ حَسُنَ أُولئِكَ رَفيقاً

“Coloro che obbediscono ad Allah e al Suo messaggero saranno tra coloro che Allah ha colmato della Sua grazia: Profeti, uomini veritieri, martiri, probi; che ottima compagnia!”[6],

scrisse che si supponeva fosse stato rivelato riguardo a Thawban, servo del Profeta (S). Infatti un giorno si recò turbato dal Profeta (S) che gli chiese «Che cosa è successo?». Rispose: «Non sono malato, penso che nell’Aldilà, se entrerò nell’Inferno, non vi vedrò mai e se entrerò in Paradiso, avrò una posizione molto bassa rispetto a voi da non potervi incontrare, è questo che mi ha rattristito». In quel momento fu rivelato il succitato versetto e il Profeta (S) gli disse: «Giuro su Dio! La fede di nessun musulmano sarà compiuta finché non ci amerà più di se stesso, suo padre e sua madre, la consorte e i figli, e tutta la gente»[7].

Considerando quindi ciò che è stato detto, possiamo considerarlo un devoto dell’Inviato di Dio (S) e della sua pura Famiglia (A).

Secondo le fonti, il significato della parola mawla nella frase “Thawban è il mawla dell’Inviato di Dio” utilizzata come caratteristica di Thawban, può avere il significato di liberato dall’Inviato di Dio, oppure servo dell’Inviato di Dio. Tenuto però conto che Thawban, sin dal principio, era stato liberato dal Profeta (S), si addice meglio il primo significato.

Infine ricordiamo che nelle fonti sciite non sono stati riportati molti hadìth di Thawban, quindi non sono state trovate opinioni concernenti i suoi hadìth da parte della Gente della Casa (A).

 


[1] Il termine wilayah e mawla derivano dalla radice “waw-lam-ya” e possiedono vari significati: padrone, servo, chi libera uno schiavo, lo schiavo liberato, compagno, cugino, vicino, alleato, figlio, zio, signore, aiutante, donatore, chi si stabilisce in un luogo, socio, figlio della sorella, colui che ama, seguace, genero, colui che da alcuni punti di vista è più degno di usufruire dei beni di un altro del proprietario stesso. Estratto dalla domanda Il significato di wilayah.

[2] Ibn Hajar 'Asqalani, Al-Isabah, vol. 1, p. 528, Dar al-kutub al-'ilmiyyah, Beirut, 1415 AH.

[3] Muhammad ibn Hasan Tusi, Rijal Tusi, p. 31, Intasharat Haydariyyah, Najaf, 2002.

[4] Ibn Hajar 'Asqalani, Al-Isabah, vol. 1, p. 528, Dar al-Kutub al-'ilmiyyah, Beirut, 1415 AH.

[5] Tafsir-e Emam Hasan-e 'Askari (A), p. 370, Madrese-ye Emam Mahdi (AJ), Qom, 1409 AH; Mohammad Baqer Majlesi, Bihar al-Anwar, vol. 27, p. 100, Dar ihya' al-turath al-'arabi, Beirut, seconda rist., 1403 AH.

[6] Sacro Corano, 4:69.

[7] Fadhl ibn Hasan Tabarsi, Majma' al-Bayan, vol. 3, p. 110, Entesharat-e Naser Khosro, Teheran, 1993.

 

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

  • Si può eseguire il wudhu o il ghusl con il kajal?
    1139 Diritto e Precetti 2012/04/04
    Durante il wudhu o il ghusl niente deve impedire all’acqua di arrivare alle parti e alla pelle del corpo, quindi se il kajal è stato applicato nella rima interna dell’occhio, non invalida la correttezza del wudhu e del ghusl. Se però viene applicato attorno all’occhio o sulle sopracciglia, bisogna verificare ...
  • È permesso servire alcolici nei ristoranti in Occidente?
    863 Diritto e Precetti 2011/06/08
    L’onore e la dignità dei musulmani, dovunque essi vivano, dipendono dalla loro obbedienza agli ordini divini e alle norme islamiche: fin dove possibile devono essere vincolati alla loro fede.Alcuni giurisperiti islamici sostengono che se le è possibile, deve cambiare lavoro o lavorare in un altro reparto del ristorante. Se trovare ...
  • Che cos’è la magnanimità (karamah)? In che modo si può intraprendere la via della magnanimità? Che posizione occupano le persone magnanime presso Dio?
    1957 Etica teorica 2010/07/22
    Il termine karamah (magnanimità) in lingua araba significa lontananza dalla meschinità e dall’indegnità, e ogni anima nobile e immune da ogni tipo di abiezione è definita “magnanima”.Nella lingua araba karamah (magnanimità) è il contrario di dana'ah (meschinità) e zillah. Per arrivare alla vetta della magnanimità bisogna acquisire il timor di ...
  • Numerosi versetti del sacro Corano elogiano i compagni del Profeta (S), perché dunque gli sciiti li biasimano?
    1364 Teologia antica 2012/04/04
    Senza dubbio i versetti che lei ha utilizzato e molti altri sono stati rivelati per elogiare i veri seguaci del Profeta (S). Analizzando però attentamente questi versetti e altri punti del Corano dove alcuni compagni vengono biasimati, e parimenti, se studiamo la storia dei popoli che vivevano con i ...
  • Per porre delle domande inerenti alle regole islamiche, bisogna essere degli esperti?
    832 Etica pratica 2011/11/21
    La conoscenza e l’apprendimento delle regole e delle scienze islamiche, dal punto di vista della profondità, constano di vari livelli:a.     Conoscenza elementare e superficiale: come l’apprendimento delle regole pratiche, l’etica e il credo.b.    Conoscenza argomentativa: per esempio l’apprendere le motivazioni giuridiche delle regole pratiche, etiche e del credo.c.     Conoscenza della ...
  • Come si può vedere in sogno il Messaggero di Dio?
    1398 Etica pratica 2011/08/10
    Il libro Mafatih al-Jinan riporta delle suppliche ed istruzioni da seguire per vedere in sogno i Devoti di Dio. È necessario però sapere che recitare tali suppliche non è sufficiente per vedere in sogno queste nobili persone: cioè non è detto che chiunque le reciti, vedrà poi in sogno il ...
  • Chi viene definito sapiente e chi eccellente? Qual è la differenza?
    1143 Etica teorica 2012/01/19
    La sapienza è il contrario d’ignoranza (jahl) e colui che possiede la sapienza viene definito sapiente ('alim). L’eccellenza invece indica la superiorità in un ambito ed è il contrario di difetto: colui che sovrasta sugli altri per un pregio viene definito eccellente (fadhil). Si può pertanto affemare che ogni sapienza ...
  • L’Imam del Tempo (AJ) ha moglie e figli?
    1420 Teologia antica 2011/06/08
    Nonostante sia possibile che abbia moglie e figli, e il suo occultamento non esiga necessariamente l’astensione dal matrimonio, che è una tradizione divina, negli hadìth non troviamo nulla che provi questo fatto. Forse si può dire che allo stesso modo di come Iddio ha voluto che l’Imam (A) fosse occultato, ...
  • Quando gli ordini del padre e della madre sono contrastanti, qual è il dovere del figlio?
    1021 Etica pratica 2011/08/08
    La più importante azione obbligatoria, che il Corano ordina ai credenti, subito dopo il credo nell’unicità divina e la negazione della miscredenza, è il rispetto e la benevolenza verso i genitori.Vi sono due gruppi di hadìth riguardo ai casi in cui ognuno di loro ordina un’azione in contrasto con il ...
  • Il giorno d’Ashurà, l’imam Husayn (A) rifiutò l’acqua che gli portarono?
    1148 Teologia antica 2011/02/14
    Per rispondere a questa domanda bisogna prestare attenzione ai seguenti punti:I Profeti e gli infallibili Imam (A) erano obbligati ad utilizzare la propria scienza e forza naturale, non quella divina; poiché se avessero trascorso la propria vita in base alla scienza e forza divina non avrebbero più potuto essere un ...

Le più visitate

Links