Ricerca Avanzata
Visite
1454
Data aggiornamento: 2012/05/17
Domanda concisa
L’Islam ha un’opinione in merito alla lettura veloce? Per favore specificate anche in quali casi l’Islam approva la lettura veloce.
Domanda
Salam alaykum, nel ringraziare lei e i suoi colleghi, volevo chiedere qual è l’opinione dell’Islam in merito alla lettura veloce. Per favore specificate anche in quali casi l’Islam approva la lettura veloce (p. es. i romanzi, ecc.) e spiegatene il motivo.
Risposta concisa

La lettura, veloce o lenta, dipende dal lettore stesso. Negli insegnamenti religiosi nulla è stato tramandato al riguardo. Ciò che è stato riportato in merito alla recitazione del Corano è di leggerlo scandendo le parole: «E recita il Corano lentamente, distintamente»[1]. L’Imam (A) in merito al significato di questo versetto disse che il Corano non dev’essere letto né velocemente come una poesia, né troppo lentamente[2].

Inoltre negli hadìth è stato riportato che l’imam Ridha (A) completava la lettura del Corano ogni tre giorni e diceva: «Se volessi, potrei finire la lettura dell’intero Corano in meno di tre giorni, però quando leggo i nobili versetti, rifletto in merito all’argomento per cui sono stati rivelati e in quale occasione; perciò completo la lettura del Corano ogni tre giorni»[3].

Per questo motivo lo stile di lettura di un testo dipende dal lettore stesso e dal testo in questione. Alcuni riescono a comprendere bene i concetti e il significato del testo leggendo velocemente, e altri leggendo lentamente. In conclusione è importante che durante la lettura si rifletta e che il concetto sia compreso correttamente.

 

 


[1] Sacro Corano, 73:4:

»وَ رتّلِ القُرآنَ تَرتیلاً«.

[2] Kulayni, Al-Kafi, vol. 2, p. 614, Dar al-kutub al-islamiyyah, Teheran, 1986.

[3] Tabarsi, I'lam al-Wara bi-A'lam al-Huda, p. 327, Nashr-e Eslamieh, Teheran, terza rist., 1390 AH.

 

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    13791 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza anche degli Imam (A).Inoltre il Corano accetta ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    11157 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è il suo pensiero ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    9320 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.Con il termine cuore in questo ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    7829 Filosofia del diritto e dei precetti 2012/06/06
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico l’hajj consiste di ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    7697 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto di questo percorso paludoso e putrido, costituisce ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    6733 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello sciismo rispetto alle altre scuole islamiche, riguarda la questione ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    6370 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano nei libri sunniti, non hanno una ...
  • Cos’è lo sharab tahur (bevanda purificante)?
    5859 Teologia antica 2010/10/07
    Sharab nella terminologia araba significa bevanda e tahur ciò che è puro e purifica. Dai vari versetti del Corano si comprende che in Paradiso sono presenti diverse bevande salubri, pure e di qualità diverse. In un versetto del Corano è stato utilizzato il termine sharab tahur: “E il loro Dio ...
  • Come si può curare l’invidia?
    5738 Etica teorica 2011/08/13
    L’invidia è un’inclinazione dell’animo per cui ci si sottovaluta, in seguito alla quale l’individuo desidera che un’altra persona non abbia un bene che possiede.Per guarire da quest’attitudine si consigliano le seguenti soluzioni:1.     Riflettere sui danni che l’invidia provoca sull’anima, la psiche, la religione e l’aldilà.2.     Rafforzare la fede in Iddio.3.     ...
  • Spiegate, in base alle varie esegesi, il significato del versetto 256 della seconda sura (al-Baqarah) del Corano: “Non c’è nessuna costrizione nella religione ...”.
    4995 Teologia antica 2010/08/14
    In base alle varie esegesi, in totale sono state esposte cinque opinioni sul significato di questo nobile versetto. L’opinione corretta è la seguente: “Il versetto esprime un messaggio generale, universale e umano, ovvero che la religione è una questione di credo e cuore, la costrizione e l’obbligo sono impossibili e ...

Links