Ricerca Avanzata
Visite
1361
Data aggiornamento: 2012/05/17
Domanda concisa
L’Islam ha un’opinione in merito alla lettura veloce? Per favore specificate anche in quali casi l’Islam approva la lettura veloce.
Domanda
Salam alaykum, nel ringraziare lei e i suoi colleghi, volevo chiedere qual è l’opinione dell’Islam in merito alla lettura veloce. Per favore specificate anche in quali casi l’Islam approva la lettura veloce (p. es. i romanzi, ecc.) e spiegatene il motivo.
Risposta concisa

La lettura, veloce o lenta, dipende dal lettore stesso. Negli insegnamenti religiosi nulla è stato tramandato al riguardo. Ciò che è stato riportato in merito alla recitazione del Corano è di leggerlo scandendo le parole: «E recita il Corano lentamente, distintamente»[1]. L’Imam (A) in merito al significato di questo versetto disse che il Corano non dev’essere letto né velocemente come una poesia, né troppo lentamente[2].

Inoltre negli hadìth è stato riportato che l’imam Ridha (A) completava la lettura del Corano ogni tre giorni e diceva: «Se volessi, potrei finire la lettura dell’intero Corano in meno di tre giorni, però quando leggo i nobili versetti, rifletto in merito all’argomento per cui sono stati rivelati e in quale occasione; perciò completo la lettura del Corano ogni tre giorni»[3].

Per questo motivo lo stile di lettura di un testo dipende dal lettore stesso e dal testo in questione. Alcuni riescono a comprendere bene i concetti e il significato del testo leggendo velocemente, e altri leggendo lentamente. In conclusione è importante che durante la lettura si rifletta e che il concetto sia compreso correttamente.

 

 


[1] Sacro Corano, 73:4:

»وَ رتّلِ القُرآنَ تَرتیلاً«.

[2] Kulayni, Al-Kafi, vol. 2, p. 614, Dar al-kutub al-islamiyyah, Teheran, 1986.

[3] Tabarsi, I'lam al-Wara bi-A'lam al-Huda, p. 327, Nashr-e Eslamieh, Teheran, terza rist., 1390 AH.

 

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

  • L’essere umano è in grado di conoscere Iddio? Quali sono il limite e il valore di questa conoscenza?
    1445 Teologia antica 2010/11/22
    L’essere umano può ottenere la conoscenza di Iddio in vari modi, attraverso l’intelletto o attraverso il cuore: a volte, come il saggio e il filosofo conosce e argomenta attraverso la conoscenza acquisita e con l’aiuto dei sensi e dell’intelletto e, a volte, come lo gnostico, contempla il proprio Amato attraverso ...
  • Come si può arrivare alla religione nafs al-amri?
    1185 Filosofia della religione 2010/06/30
    Esistono tre vie:·         la rivelazione;·         i libri celesti (originali) e le tradizioni (hadith);·         l’intelletto.Gli individui comuni possono conoscere la religione nafs al-amri attraverso i libri celesti, le tradizioni e l’intelletto e solo per un ristretto gruppo di persone è aperta anche la via della rivelazione. ...
  • Si può stringere un rapporto di fratellanza con una persona dell’altro sesso recitando una formula? E dopo ciò, ci si può sposare?
    1573 Etica teorica 2011/10/02
    Secondo l’Islam non esiste una formula per un rapporto di fratellanza tra due persone di sesso opposto. L’unica formula e contratto esistenti nell’Islam per diventare intimi (mahram), sono quelli del matrimonio che può essere a lungo o breve termine (matrimonio a tempo indeterminato o determinato). La correttezza di questa formula ...
  • L’etica ha un legame con l’intelletto?
    1275 Etica pratica 2012/05/15
    L’etica come molte scienze si suddivide in due parti: Etica teorica Etica pratica La conoscenza degli argomenti e delle regole etiche è connessa direttamente all’intelletto, cioè più l’intelletto di una persona è elevato, maggiormente apprenderà, e più sarà basso, meno apprenderà da questa scienza. Per quanto riguarda l’applicazione delle regole etiche, invece, a cui ...
  • Il Profeta (S) aveva preannunciato la questione dell’occultamento e della rivoluzione del nobile Mahdi (AJ)?
    1426 Teologia antica 2011/03/13
    Il principio dell’esistenza del Mahdi (A) nell’era protoislamica era talmente chiaro che i musulmani non dubitavano della sua esistenza. Il Grande Profeta (A) aveva spiegato ai musulmani il principio dell’esistenza del Mahdi (AJ), alcune sue caratteristiche e i cambiamenti che avverranno per mano sua: l’organizzazione di un governo fondato sull’unicità ...
  • Nell’Islam è stato considerato il benessere? Qual è il limite all’utilizzo dei beni?
    1011 Etica pratica 2011/06/08
    Parte degli insegnamenti islamici rientra nei principi della religione che col passare del tempo non mutano in alcun modo e, tutti, in qualsiasi epoca, devono rispettarli, come per esempio l’unicità di Dio, la profezia del Profeta (S), la realtà della resurrezione, la giustizia divina, compiere ciò che è obbligatorio, aiutare ...
  • concisa: Come bisogna rispondere al saluto durante la preghiera?
    1278 Diritto e Precetti 2012/08/11
    Durante la preghiera l’orante non deve salutare un’altra persona e se qualcuno lo saluta, deve rispondere in modo che la parola salam preceda le altre, per esempio dica: «Assalamu alaykum» o «Salamun alaykum», ma non dica mai: «Alaykumu assalam»[1]. È degno di nota che una persona deve rispondere al saluto immediatamente, ...
  • La religione: una o molteplici?
    1800 Teologia moderna 2012/09/20
    Se per religione s’intende il complesso dei credi, dell’etica e delle norme che sono state rivelate da parte di Dio e sono state comunicate alle genti tramite i Profeti (A), in questo caso la religione è una sola e la differenza tra le religioni è sita in alcune norme secondarie ...
  • C’è un motivo per cui dopo il saluto della preghiera si dice il takbir e si volge il capo verso sinistra e destra?
    1311 Diritto e Precetti 2012/04/07
    Volgere il viso a destra e a sinistra, è una delle azioni meritorie dopo l’ultimo saluto della preghiera, riportata anche nei libri di hadìth. Il suo corretto svolgimento è il seguente: Se l’orante è l’imam della preghiera comunitaria, dopo il saluto della preghiera, prima di togliere lo sguardo dalla qiblah, deve ...
  • Il giorno d’Ashurà, l’imam Husayn (A) rifiutò l’acqua che gli portarono?
    1338 Teologia antica 2011/02/14
    Per rispondere a questa domanda bisogna prestare attenzione ai seguenti punti:I Profeti e gli infallibili Imam (A) erano obbligati ad utilizzare la propria scienza e forza naturale, non quella divina; poiché se avessero trascorso la propria vita in base alla scienza e forza divina non avrebbero più potuto essere un ...

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    10206 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza anche degli Imam (A).Inoltre il Corano accetta ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    8419 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.Con il termine cuore in questo ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    8238 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è il suo pensiero ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    6949 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto di questo percorso paludoso e putrido, costituisce ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    5857 Filosofia del diritto e dei precetti 2012/06/06
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico l’hajj consiste di ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    5764 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello sciismo rispetto alle altre scuole islamiche, riguarda la questione ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    5705 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano nei libri sunniti, non hanno una ...
  • Come si può curare l’invidia?
    5288 Etica teorica 2011/08/13
    L’invidia è un’inclinazione dell’animo per cui ci si sottovaluta, in seguito alla quale l’individuo desidera che un’altra persona non abbia un bene che possiede.Per guarire da quest’attitudine si consigliano le seguenti soluzioni:1.     Riflettere sui danni che l’invidia provoca sull’anima, la psiche, la religione e l’aldilà.2.     Rafforzare la fede in Iddio.3.     ...
  • Cos’è lo sharab tahur (bevanda purificante)?
    4958 Teologia antica 2010/10/07
    Sharab nella terminologia araba significa bevanda e tahur ciò che è puro e purifica. Dai vari versetti del Corano si comprende che in Paradiso sono presenti diverse bevande salubri, pure e di qualità diverse. In un versetto del Corano è stato utilizzato il termine sharab tahur: “E il loro Dio ...
  • Spiegate, in base alle varie esegesi, il significato del versetto 256 della seconda sura (al-Baqarah) del Corano: “Non c’è nessuna costrizione nella religione ...”.
    4573 Teologia antica 2010/08/14
    In base alle varie esegesi, in totale sono state esposte cinque opinioni sul significato di questo nobile versetto. L’opinione corretta è la seguente: “Il versetto esprime un messaggio generale, universale e umano, ovvero che la religione è una questione di credo e cuore, la costrizione e l’obbligo sono impossibili e ...

Links