Ricerca Avanzata
Visite
3394
Data aggiornamento: 2011/01/20
Domanda concisa
Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
Domanda
Mi interessa lo sciismo, ma non capisco quale sia il problema ad essere hanafita o malikita?
Risposta concisa

È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.

La differenza principale dello sciismo rispetto alle altre scuole islamiche, riguarda la questione dell’imamato e della wilayah dell’Ahl al-Bayt del Profeta (A). Infatti, per gli sciiti, l’imam infallibile possiede tutte le competenze del profeta, tranne la rivelazione, ed essi lo considerano il loro punto di riferimento religioso (che chiarisce e protegge le questioni religiose e interpreta i versetti coranici), detentore della wilayah cosmologica e il potere di interferire nei fenomeni dell’universo, capo politico e la migliore guida nelle questioni sociali e giudiziarie, il più sapiente degli individui; ritengono inoltre obbligatorio obbedirgli. Purtroppo le altre scuole islamiche, tra cui quella hanafita a malikita, non credono in queste dottrine e provano solo affetto nei confronti dell’Ahl al-Bayt e degli Imam infallibili (A), e li considerano affidabili.

Questo dal momento che dagli hadìth tramandati dai fratelli sunniti, oltre all’affetto nei confronti degli Imam e dell’Ahl al-Bayt (A), si deduce anche la necessità di seguirli in modo completo, e il riconoscimento di questa realtà può influenzare profondamente il nostro comportamento personale e sociale.

Risposta dettagliata

Il suo interessamento allo sciismo è lodevole, tuttavia è ovvio che scegliere una religione o una scuola di pensiero non è una questione di preferenza, bensì è un dovere razionale. È da chiarire il motivo di questo suo interesse: è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, ciò sarà dovuto ai punti di forza che ha trovato solo nello sciismo e di conseguenza le debolezze e le mancanze delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche[1] le saranno chiare.

La differenza principale dello sciismo rispetto alle altre scuole islamiche, riguarda la questione dell’imamato e della wilayah dell’Ahl al-Bayt del Profeta (A).

Di seguito citiamo alcune delle dottrine concernenti l’imamato in cui crede lo sciismo:

1.     Gli sciiti considerano i dodici Imam (A), nominati esplicitamente negli hadìth[2] del nobile Profeta (S) immuni da qualsiasi errore, dimenticanza e peccato.

2.     Gli sciiti ritengono che l’Imam infallibile possieda tutte le competenze del Profeta (S), tranne la rivelazione.

3.     Gli sciiti riconoscono l’Imam infallibile come loro punto di riferimento religioso (che chiarisce e protegge le questioni religiose e interpreta i versetti coranici).

4.     Gli sciiti credono che l’Imam infallibile possieda la wilayah cosmologica e il potere di interferire nei fenomeni dell’Universo.

5.     Gli sciiti reputano l’Imam infallibile capo politico e la migliore guida nelle questioni sociali e giudiziarie, ritengono inoltre obbligatorio obbedirgli.

6.     Gli sciiti ritengono che l’Imam infallibile sia il più sapiente degli individui nelle questioni puramente scientifiche.

Purtroppo le altre scuole islamiche, tra cui quella hanafita a malikita, non credono in queste dottrine e provano solo affetto per l’Ahl al-Bayt e gli Imam infallibili (A), e li considerano affidabili.

7.     Una delle caratteristiche dello sciismo è l’obbedienza completa nei confronti dell’imam Alì e dell’Ahl al-Bayt (A) che nell’Islam è molto importante e in numerosi hadìth, tramandati anche dai sunniti, la condizione affinché le azioni di una persona siano accettate da Iddio è il riconoscimento della wilayah del Principe dei Credenti Alì (A)[3].

Il nobile Messaggero (S) disse: “Guardare il viso del Principe dei Credenti Alì ibn Abitalib (A) è un atto di adorazione; anche ricordarlo è un atto di adorazione. La fede di una persona non viene accettata se non amandolo e riconoscendo la sua wilayah e odiando i suoi nemici”[4].

Da questo hadìth si può dedurre che la condizione affinché la propria fede (e a maggior ragione le proprie azioni) sia accettata, è riconoscere la sua wilayah e odiare i suoi nemici.

Inoltre, i sapienti sunniti riportano che il Profeta (S) disse: “O Alì (A)! Se una persona facesse atti di adorazione della durata della vita di Noè (A), avesse tanto oro quanto la montagna di Uhud e lo desse in elemosina sulla via di Dio, vivesse tanto da poter compiere mille volte l’hajj a piedi e tra Safa e Marwah fosse ucciso ingiustamente; e nonostante ciò non accettasse la tua wilayah, non percepirà il profumo del Paradiso e non vi entrerà mai”[5].

Che cosa s’intenda per la wilayah dell’imam Alì (A) è deducibile dall’uso che ne fanno i versetti del Corano rivelati riguardo all’imam Alì (A): “In verità i vostri wali (guide) sono Allah, il Suo Messaggero e i credenti che assolvono all'orazione dando l’elemosina con umiltà mentre compiono il ruku' (genuflessione)”[6].

Non c’è dubbio che la parola wali in questo versetto non significa “amico”, “aiutante” oppure “alleato”; infatti la wilayah con il significato di amicizia o di aiuto non si limita a coloro che pregano e danno l’elemosina durante il ruku', bensì include tutti i musulmani, tutti i musulmani devono volersi bene e aiutarsi a vicenda.

Si può quindi dedurre che la wilayah intesa dal versetto sopraccitato è la tutela, il diritto di intervenire negli affari e nei beni degli altri, la guida terrena e spirituale; in particolare considerando che questa wilayah è in sequenza con quella del Profeta (S) e quella di Iddio, e tutte e tre vengono nominate in un’unica frase.

In numerosi libri islamici e fonti sunnite sono riportati hadìth che sostengono che questo versetto sia stato rivelato riguardo all’imam Alì (A), in alcuni dei quali si accenna anche alla vicenda dell’offerta dell’anello al mendicante durante il ruku'; nonostante ciò, alcuni si limitano solo a riferire che il versetto riguarda l’Imam (A)[7].

Se un individuo prende in considerazione la questione dell’imamato e della guida come uno sciita e crede in questa dottrina come uno sciita, la sua vita cambierà completamente, non si rivolgerà a chiunque per risolvere le questioni e i problemi religiosi, non affiderà le questioni politiche a chiunque e sarà sempre obbediente e seguace dell’Imam infallibile (A).

Nonostante i seguaci di tutte le scuole islamiche, tra cui gli hanafiti e i malikiti, amino e onorino l’imam Alì e gli altri Imam (A), la wilayah completa col significato inteso dal Corano e dal Profeta (S), è presente solo nello sciismo duodecimano e ogni musulmano ha il dovere di scegliere la scuola religiosa più vicina al Corano e alla Sunna del Profeta (S).



[1] C’è differenza tra scuola giuridica (mazhab) e teologica (firqah), la prima fa riferimento, principalmente, alle denominazioni che presentano differenze tra di loro nell’ahkam (regole pratiche) come hanafita, malikita, jafarita, ecc., la seconda invece, riguarda per lo più le differenze nel kalam (teologia e credo) come sciismo duodecimano, sciismo zaydita, sunnismo ash'arita, ecc.

[2] Bihar al-Anwar, vol. 36, pag. 362.

[3] Manaqib Kharazmi, pp. 19 e 252.

[4] Manaqib Kharazmi, pp. 19 e 212; Ganji Shafi’y, Kifayat al-Talib, pag. 214.

[5] Khatib Kharazmi, Manaqib; Kharazmi, Maqtal al-Husayn, 1/37.

[6] Sacro Corano 5:55.

[7] Tafsir Nemune, vol. 4, pp. 424 e 425.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

  • Perché i giudei (yahud) vengono chiamati in tal modo?
    1192 Teologia antica 2012/05/16
    Vi è disaccordo in merito al motivo per cui la “tribù dei Bani 'Israil” sia chiamata “yahud” (giudei). Alcuni sostengono che “yahud” significhi guidati, e la ragione è il pentimento che la tribù di Mosè (A) provò per aver adorato il vitello[1]. Altri affermano che i membri di questa tribù ...
  • Se la religione cristiana attuale è alterata e Iddio ha definito i suoi seguaci miscredenti, allora perché li guarisce e presta loro attenzione?
    2142 Teologia antica 2012/03/11
    Il fatto che Iddio guarisce e presta attenzione ad alcuni cristiani, è dovuto alla Sua grazia universale e alla Sua misericordia, che comprende tutti gli esseri umani, affinché ricevendo i doni divini scelgano la via della beatitudine e della fede e giungano alla perfezione e alla conoscenza di Dio. Infatti, ...
  • I miscredenti andranno all’Inferno? Un musulmano in che modo può aiutarli?
    1809 Etica pratica 2011/10/18
    Cerchi di mostrargli i lati più belli della religione affinché egli sia motivato ad impararla e inclinarsi ad essa; per esempio manifesti la religione e la sua etica nella propria vita affinché egli capisca fino a che punto la religione e la religiosità possono essere influenti nel migliorare i rapporti ...
  • Cos’è l’i'tikaf (ritiro spirituale)?
    1578 Etica teorica 2010/10/13
    Il significato terminologico della parola araba i'tikaf è: risiedere, rimanere in un luogo e attenersi a determinate prescrizioni; però nella religione islamica significa risiedere in un luogo sacro con l’intenzione di avvicinarsi a Dio l’Altissimo. L’i'tikaf non è una specificità della religione islamica, al contrario era presente anche nelle altre ...
  • Qual è il motivo per cui si organizzano numerose commemorazioni di lutto per l’imam Husayn (A)?
    1185 تاريخ کلام 2010/12/19
    Le esperienze e lezioni di vita importanti raggiunte con grandi sforzi e a caro prezzo scaturiscono dagli avvenimenti passati di ogni società e popolo, e possono influenzare il futuro della società stessa. Per far tesoro di questo prezioso patrimonio è necessario riesaminare, ricostruire e ricordare i suoi eventi. Una di ...
  • Quali sono le soluzioni idonee ed efficaci per praticare appieno le proprie conoscenze?
    911 Etica pratica 2011/05/18
    In base ai principi islamici la scienza ritenuta utile è quella da cui nascono buone azioni. Nonostante ciò, vediamo che alcuni sapienti trascurano le buone azioni; questo comportamento può essere causato da vari motivi: essi hanno imparato solamente dei concetti ma non sono dei veri sapienti; hanno calpestato il proprio ...
  • È necessario un maestro sulla via della purificazione e dell’edificazione del sé?
    839 Etica pratica 2011/10/13
    Ovviamente una via tanto complicata e importante ha bisogno di un maestro. Il primo maestro dell’essere umano è Iddio, poiché oltre a guidare l’essere umano verso questa questione tramite la sua indole innata, gli ha inviato pure dei profeti. In questo percorso, se l’essere umano gode della grazia di avere ...
  • Quali azioni cancellano i peccati maggiori?
    1907 Etica pratica 2011/06/20
    I peccati non sono tutti dello stesso livello, perciò anche il loro perdono dipende dal tipo di peccato commesso: è possibile che un peccato possa essere perdonato semplicemente esprimendo il proprio pentimento a parole (istighfar), mentre un altro peccato necessiti di più impegno e debba essere rimediato. Nell’Islam, la porta ...
  • Che dovere si ha se un defunto viene seppellito senza imbalsamazione (hunut) poiché non si conoscevano le regole della questione?
    1120 Diritto e Precetti 2012/08/16
    Dopo il qusl è obbligatorio eseguire l’imbalsamazione (hunut) del defunto, cioè stendere la canfora sulla fronte, sul palmo delle mani, la punta dei ginocchi e sulla punta degli alluci[1]. Se dopo la sepoltura ci si rende conto di non aver imbalsamato il defunto, qualora il cadavere nella tomba non emani ...
  • Si può vedere Iddio? Come?
    1048 Teologia antica 2011/04/20
    Secondo l’intelletto e la sharia non è possibile vedere Iddio con l’occhio umano esteriore, né in questo né nell’altro mondo, è tuttavia possibile contemplarLo con l’occhio interiore. I cuori, a seconda della loro capacità esistenziale, possono ammirarLo per mezzo della contemplazione interiore, dopo aver redento il proprio aspetto interiore attraverso ...

Le più visitate

  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    6557 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.Con il termine cuore in questo ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    5940 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto di questo percorso paludoso e putrido, costituisce ...
  • Come si può curare l’invidia?
    4633 Etica teorica 2011/08/13
    L’invidia è un’inclinazione dell’animo per cui ci si sottovaluta, in seguito alla quale l’individuo desidera che un’altra persona non abbia un bene che possiede.Per guarire da quest’attitudine si consigliano le seguenti soluzioni:1.     Riflettere sui danni che l’invidia provoca sull’anima, la psiche, la religione e l’aldilà.2.     Rafforzare la fede in Iddio.3.     ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    4436 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano nei libri sunniti, non hanno una ...
  • Spiegate, in base alle varie esegesi, il significato del versetto 256 della seconda sura (al-Baqarah) del Corano: “Non c’è nessuna costrizione nella religione ...”.
    3625 Teologia antica 2010/08/14
    In base alle varie esegesi, in totale sono state esposte cinque opinioni sul significato di questo nobile versetto. L’opinione corretta è la seguente: “Il versetto esprime un messaggio generale, universale e umano, ovvero che la religione è una questione di credo e cuore, la costrizione e l’obbligo sono impossibili e ...
  • Il Diavolo (Iblis) è un angelo o un jinn?
    3533 Esegesi 2010/11/22
    Esistono diverse opinioni riguardo alla questione se il Diavolo sia un angelo o un jinn.La fonte di questa discordanza la troviamo nella narrazione della creazione di Adamo (pace su di lui) quando gli angeli, su ordine di Dio, si prosternarono di fronte ad Adamo mentre Satana disobbedì.Coloro che affermano che ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    3394 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello sciismo rispetto alle altre scuole islamiche, riguarda la questione ...
  • Cos’è lo sharab tahur (bevanda purificante)?
    3214 Teologia antica 2010/10/07
    Sharab nella terminologia araba significa bevanda e tahur ciò che è puro e purifica. Dai vari versetti del Corano si comprende che in Paradiso sono presenti diverse bevande salubri, pure e di qualità diverse. In un versetto del Corano è stato utilizzato il termine sharab tahur: “E il loro Dio ...
  • Il detto dell’Imam Alì (A): “Abbandonatemi e cercato qualcun altro all’infuori di me!”, non è in contrasto col credere che l’imamato sia un incarico divino?
    3136 Teologia antica 2011/02/08
    Il fatto che l’incarico dell’imamato e della wilayah di Alì (A) sia da parte divina e Iddio lo abbia scelto per questo, è stato dimostrato con validi e sicuri motivi. Riguardo al significato del detto di Alì (A): “Abbondonatemi e cercato qualcun altro all’infuori di me!”, dobbiamo ricordare che nonostante ...
  • Chi era la tribù di Gog e Magog? Che fine ha fatto? Come reagì Zu al-Qarnayn di fronte ad essa?
    2832 Esegesi 2011/05/09
    Dall’insieme dei versetti del Corano, delle informazioni della Bibbia e delle testimonianze storiche, si può concludere che queste popolazioni risiedevano nei territori nord-asiatici e con le loro barbare invasioni sconvolgevano i territori meridionali e occidentali. Grazie alla barriera di Zu al-Qarnayn, la loro invasione fu fermata per lungo tempo ma ...

Links