Ricerca Avanzata
Visite
5810
Data aggiornamento: 2011/01/20
Domanda concisa
Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
Domanda
Mi interessa lo sciismo, ma non capisco quale sia il problema ad essere hanafita o malikita?
Risposta concisa

È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.

La differenza principale dello sciismo rispetto alle altre scuole islamiche, riguarda la questione dell’imamato e della wilayah dell’Ahl al-Bayt del Profeta (A). Infatti, per gli sciiti, l’imam infallibile possiede tutte le competenze del profeta, tranne la rivelazione, ed essi lo considerano il loro punto di riferimento religioso (che chiarisce e protegge le questioni religiose e interpreta i versetti coranici), detentore della wilayah cosmologica e il potere di interferire nei fenomeni dell’universo, capo politico e la migliore guida nelle questioni sociali e giudiziarie, il più sapiente degli individui; ritengono inoltre obbligatorio obbedirgli. Purtroppo le altre scuole islamiche, tra cui quella hanafita a malikita, non credono in queste dottrine e provano solo affetto nei confronti dell’Ahl al-Bayt e degli Imam infallibili (A), e li considerano affidabili.

Questo dal momento che dagli hadìth tramandati dai fratelli sunniti, oltre all’affetto nei confronti degli Imam e dell’Ahl al-Bayt (A), si deduce anche la necessità di seguirli in modo completo, e il riconoscimento di questa realtà può influenzare profondamente il nostro comportamento personale e sociale.

Risposta dettagliata

Il suo interessamento allo sciismo è lodevole, tuttavia è ovvio che scegliere una religione o una scuola di pensiero non è una questione di preferenza, bensì è un dovere razionale. È da chiarire il motivo di questo suo interesse: è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, ciò sarà dovuto ai punti di forza che ha trovato solo nello sciismo e di conseguenza le debolezze e le mancanze delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche[1] le saranno chiare.

La differenza principale dello sciismo rispetto alle altre scuole islamiche, riguarda la questione dell’imamato e della wilayah dell’Ahl al-Bayt del Profeta (A).

Di seguito citiamo alcune delle dottrine concernenti l’imamato in cui crede lo sciismo:

1.     Gli sciiti considerano i dodici Imam (A), nominati esplicitamente negli hadìth[2] del nobile Profeta (S) immuni da qualsiasi errore, dimenticanza e peccato.

2.     Gli sciiti ritengono che l’Imam infallibile possieda tutte le competenze del Profeta (S), tranne la rivelazione.

3.     Gli sciiti riconoscono l’Imam infallibile come loro punto di riferimento religioso (che chiarisce e protegge le questioni religiose e interpreta i versetti coranici).

4.     Gli sciiti credono che l’Imam infallibile possieda la wilayah cosmologica e il potere di interferire nei fenomeni dell’Universo.

5.     Gli sciiti reputano l’Imam infallibile capo politico e la migliore guida nelle questioni sociali e giudiziarie, ritengono inoltre obbligatorio obbedirgli.

6.     Gli sciiti ritengono che l’Imam infallibile sia il più sapiente degli individui nelle questioni puramente scientifiche.

Purtroppo le altre scuole islamiche, tra cui quella hanafita a malikita, non credono in queste dottrine e provano solo affetto per l’Ahl al-Bayt e gli Imam infallibili (A), e li considerano affidabili.

7.     Una delle caratteristiche dello sciismo è l’obbedienza completa nei confronti dell’imam Alì e dell’Ahl al-Bayt (A) che nell’Islam è molto importante e in numerosi hadìth, tramandati anche dai sunniti, la condizione affinché le azioni di una persona siano accettate da Iddio è il riconoscimento della wilayah del Principe dei Credenti Alì (A)[3].

Il nobile Messaggero (S) disse: “Guardare il viso del Principe dei Credenti Alì ibn Abitalib (A) è un atto di adorazione; anche ricordarlo è un atto di adorazione. La fede di una persona non viene accettata se non amandolo e riconoscendo la sua wilayah e odiando i suoi nemici”[4].

Da questo hadìth si può dedurre che la condizione affinché la propria fede (e a maggior ragione le proprie azioni) sia accettata, è riconoscere la sua wilayah e odiare i suoi nemici.

Inoltre, i sapienti sunniti riportano che il Profeta (S) disse: “O Alì (A)! Se una persona facesse atti di adorazione della durata della vita di Noè (A), avesse tanto oro quanto la montagna di Uhud e lo desse in elemosina sulla via di Dio, vivesse tanto da poter compiere mille volte l’hajj a piedi e tra Safa e Marwah fosse ucciso ingiustamente; e nonostante ciò non accettasse la tua wilayah, non percepirà il profumo del Paradiso e non vi entrerà mai”[5].

Che cosa s’intenda per la wilayah dell’imam Alì (A) è deducibile dall’uso che ne fanno i versetti del Corano rivelati riguardo all’imam Alì (A): “In verità i vostri wali (guide) sono Allah, il Suo Messaggero e i credenti che assolvono all'orazione dando l’elemosina con umiltà mentre compiono il ruku' (genuflessione)”[6].

Non c’è dubbio che la parola wali in questo versetto non significa “amico”, “aiutante” oppure “alleato”; infatti la wilayah con il significato di amicizia o di aiuto non si limita a coloro che pregano e danno l’elemosina durante il ruku', bensì include tutti i musulmani, tutti i musulmani devono volersi bene e aiutarsi a vicenda.

Si può quindi dedurre che la wilayah intesa dal versetto sopraccitato è la tutela, il diritto di intervenire negli affari e nei beni degli altri, la guida terrena e spirituale; in particolare considerando che questa wilayah è in sequenza con quella del Profeta (S) e quella di Iddio, e tutte e tre vengono nominate in un’unica frase.

In numerosi libri islamici e fonti sunnite sono riportati hadìth che sostengono che questo versetto sia stato rivelato riguardo all’imam Alì (A), in alcuni dei quali si accenna anche alla vicenda dell’offerta dell’anello al mendicante durante il ruku'; nonostante ciò, alcuni si limitano solo a riferire che il versetto riguarda l’Imam (A)[7].

Se un individuo prende in considerazione la questione dell’imamato e della guida come uno sciita e crede in questa dottrina come uno sciita, la sua vita cambierà completamente, non si rivolgerà a chiunque per risolvere le questioni e i problemi religiosi, non affiderà le questioni politiche a chiunque e sarà sempre obbediente e seguace dell’Imam infallibile (A).

Nonostante i seguaci di tutte le scuole islamiche, tra cui gli hanafiti e i malikiti, amino e onorino l’imam Alì e gli altri Imam (A), la wilayah completa col significato inteso dal Corano e dal Profeta (S), è presente solo nello sciismo duodecimano e ogni musulmano ha il dovere di scegliere la scuola religiosa più vicina al Corano e alla Sunna del Profeta (S).



[1] C’è differenza tra scuola giuridica (mazhab) e teologica (firqah), la prima fa riferimento, principalmente, alle denominazioni che presentano differenze tra di loro nell’ahkam (regole pratiche) come hanafita, malikita, jafarita, ecc., la seconda invece, riguarda per lo più le differenze nel kalam (teologia e credo) come sciismo duodecimano, sciismo zaydita, sunnismo ash'arita, ecc.

[2] Bihar al-Anwar, vol. 36, pag. 362.

[3] Manaqib Kharazmi, pp. 19 e 252.

[4] Manaqib Kharazmi, pp. 19 e 212; Ganji Shafi’y, Kifayat al-Talib, pag. 214.

[5] Khatib Kharazmi, Manaqib; Kharazmi, Maqtal al-Husayn, 1/37.

[6] Sacro Corano 5:55.

[7] Tafsir Nemune, vol. 4, pp. 424 e 425.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

  • Iddio è soggetto alle leggi della fisica?
    1182 Teologia antica 2012/08/08
    Iddio stabilisce tutte le leggi della fisica ed essenzialmente non è soggetto a nulla oltre alla propria volontà, tranne se il suo volere sia quello di compiere le cose attraverso le loro cause. Inoltre la violazione di una legge dei mondi inferiori attraverso una forza superiore, è essa stessa una ...
  • Perché Satana (Iblis) fu creato dal fuoco?
    1295 Teologia antica 2010/09/05
    Questa domanda non ha una risposta concisa; selezionate la risposta dettagliata. ...
  • L’essere umano è in grado di conoscere Iddio? Quali sono il limite e il valore di questa conoscenza?
    1449 Teologia antica 2010/11/22
    L’essere umano può ottenere la conoscenza di Iddio in vari modi, attraverso l’intelletto o attraverso il cuore: a volte, come il saggio e il filosofo conosce e argomenta attraverso la conoscenza acquisita e con l’aiuto dei sensi e dell’intelletto e, a volte, come lo gnostico, contempla il proprio Amato attraverso ...
  • Nel compiere la sajdah, quale parte del corpo va poggiata a terra per prima?
    1180 Diritto e Precetti 2012/07/07
    La sajdah, che è uno degli atti obbligatori della preghiera, possiede delle parti e delle condizioni obbligatorie e altre meritorie. Tra le azioni considerate meritorie vi è quella di poggiare a terra prima le mani per gli uomini, mentre per le donne le ginocchia[1]. [1] Imam Khomeini, Tawdhih al-Masa'il (con note), ...
  • È vietato farsi i tatuaggi?
    2673 Diritto e Precetti 2012/04/26
    La risposta dell’ayatollah Mahdi Hadavi Tehrani è la seguente: “Se non è dannoso per il corpo, l’immagine non è oscena e non svilisce la dignità della persona, non è vietato”. Questa domanda non ha una risposta dettagliata. ...
  • Quali sono i doveri dei figli nei confronti del padre e della madre?
    3927 Etica pratica 2011/11/21
    Il rispetto dei diritti dei genitori (padre e madre) è talmente importante nel Corano che in alcuni versetti, Iddio subito dopo aver proibito la miscredenza, ordina di rispettare i loro diritti. Inoltre negli hadìth è considerata una delle azioni più eccellenti. I diritti dei genitori citati nel Corano e negli ...
  • L’influenza della du'a è condizionata dalla sua recitazione in arabo?
    1559 Etica pratica 2011/07/18
    Questa domanda non ha una risposta concisa; selezionate la risposta dettagliata. ...
  • È permesso rubare dai siti web?
    1108 Diritto e Precetti 2012/08/14
    Dato che voleva la fatwa concernente la domanda da lei posta, abbiamo ritenuto necessario sottoporre i quesiti agli uffici dei marja' taqlid. Di seguito le risposte: Ayatollah Sistani: Il furto non è permesso in alcun caso[1]. Ayatollah Makarem Shirazi: Considerando che ciò rovina la reputazione dei musulmani di fede, bisogna astenersi dal compiere tali ...
  • Perché nella sajdah (prosternazione) della Ziarat di Ashurà, ringraziamo Iddio per questa tragedia?
    1529 Etica pratica 2012/08/30
    Ringraziare per i doni concessi da Dio è un argomento che occupa un posto speciale nelle nostre fonti di hadìth[1]. La persona credente e monoteista a causa della conoscenza corretta che ha riguardo a Dio, il proprio Creatore, ringrazia per qualunque cosa riceva da parte Sua. Il motivo è che ...
  • Potete spiegare la commemorazione di Arba'in per l’imam Husayn (A)?
    1375 تاريخ بزرگان 2012/08/23
    Riguardo alla cerimonia di Arba'in, ciò che è stato riportato nella nostra cultura religiosa, è di commemorare il quarantesimo giorno dopo il martirio del Signore dei Martiri (A), corrispondente al ventesimo giorno del mese di Safar. L’imam Hasan al-Askari (A) in un hadìth elenca cinque segni del credente: cinquantuno raka'h ...

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    10677 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza anche degli Imam (A).Inoltre il Corano accetta ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    8679 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è il suo pensiero ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    8464 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.Con il termine cuore in questo ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    6967 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto di questo percorso paludoso e putrido, costituisce ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    5978 Filosofia del diritto e dei precetti 2012/06/06
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico l’hajj consiste di ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    5810 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello sciismo rispetto alle altre scuole islamiche, riguarda la questione ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    5714 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano nei libri sunniti, non hanno una ...
  • Come si può curare l’invidia?
    5306 Etica teorica 2011/08/13
    L’invidia è un’inclinazione dell’animo per cui ci si sottovaluta, in seguito alla quale l’individuo desidera che un’altra persona non abbia un bene che possiede.Per guarire da quest’attitudine si consigliano le seguenti soluzioni:1.     Riflettere sui danni che l’invidia provoca sull’anima, la psiche, la religione e l’aldilà.2.     Rafforzare la fede in Iddio.3.     ...
  • Cos’è lo sharab tahur (bevanda purificante)?
    5002 Teologia antica 2010/10/07
    Sharab nella terminologia araba significa bevanda e tahur ciò che è puro e purifica. Dai vari versetti del Corano si comprende che in Paradiso sono presenti diverse bevande salubri, pure e di qualità diverse. In un versetto del Corano è stato utilizzato il termine sharab tahur: “E il loro Dio ...
  • Spiegate, in base alle varie esegesi, il significato del versetto 256 della seconda sura (al-Baqarah) del Corano: “Non c’è nessuna costrizione nella religione ...”.
    4584 Teologia antica 2010/08/14
    In base alle varie esegesi, in totale sono state esposte cinque opinioni sul significato di questo nobile versetto. L’opinione corretta è la seguente: “Il versetto esprime un messaggio generale, universale e umano, ovvero che la religione è una questione di credo e cuore, la costrizione e l’obbligo sono impossibili e ...

Links