Ricerca Avanzata
Visite
10271
Data aggiornamento: 2012/01/19
Domanda concisa
Le storie del sacro Corano sono basate su vicende storiche vere oppure sono allegorie e racconti simbolici?
Domanda
Salam, i luoghi e le storie citate dal sacro Corano, come il Paradiso, l’Inferno, la storia del popolo di Lot (A), ecc., sono tutte completamente vere oppure a volte sono simboliche? Per favore spiegate, grazie.
Risposta concisa

Le storie del Corano sono vere e non contengono falsità, pertanto non è possibile suddividerle in base alla loro veridicità o invenzione. Infatti tutto ciò che il sacro Corano narra degli eventi passati è veritiero, sebbene non siano considerate vere e proprie vicende storiche, poiché il Corano non è né un libro di storia, né ha il fine di raccontare i fatti storicamente, ed è per questo che racconta solo alcuni aspetti di queste storie, secondo i suoi fini.

Tuttavia si può dire che solo ciò che viene citato come esempio in riferimento a un soggetto generale, e non a un individuo in particolare, è allegorico; infatti in questi casi è espressamente menzionato l’aspetto metaforico, per esempio “assomigliano al ragno che si è dato una casa” oppure “sono come bestiame di fronte al quale si urla, ma che non ode che un indistinto richiamo”, non si può negare che queste similitudini possano essere applicate a più referenti simili, però ciò che viene narrato in qualità di vicende reali e accadute non può essere considerato leggenda, simbolo o allegoria.

Risposta dettagliata

Per quanto concerne questa questione, se il Corano narra storie fondate su vicende storiche oppure, in base a particolari metodi e necessità espressive, a volte si allontana dalla realtà, raccontando metafore irreali e narrazioni simboliche, fino ad ora sono state svolte importanti ricerche e studi, e sono state esposte diverse teorie[1], che in questa sede non possiamo analizzare in modo approfondito. Pertanto in questo articolo riassuntivamente possiamo dire che il Corano è la parola di Dio, ovvero la pura verità in cui nessuna falsità ha accesso. Le parole del Corano spiegano le conoscenze divine e sono state rivelate in modo da essere comprensibili alla gente comune. La parola divina è essenzialmente diversa da quella umana: gli esseri umani per esprimere alti concetti talvolta sono costretti a mescolare la verità con fantasticherie e narrazioni irreali, esprimendo il proprio concetto reale attraverso storie ermeneutiche e allegoriche; ciò è dovuto ai limiti essenziali dell’essere umano, ma Iddio che è infinito e pura verità, anche la Sua parola è pura verità, nessuna falsità o irrealtà, anche sottoforma di narrazione, trova accesso in essa.

Secondo la nostra opinione le espressioni che il sacro Corano utilizza riguardo alle storie che narra dimostrano che esso racconta vicende vere e riporta notizie reali e accadute in passato, per esempio “Nelle loro storie c'è una lezione per coloro che hanno intelletto. Questo [Corano] non è certo un discorso inventato, ma è la conferma di ciò che lo precede, una spiegazione dettagliata di ogni cosa, una guida e una misericordia per coloro che credono”[2], e “Ti raccontiamo tutte queste storie sui messaggeri, affinché il tuo cuore si rafforzi. In questa [sura] ti è giunta la verità insieme con un ammonimento ed un monito per i credenti”[3].

Il sacro Corano in questi versetti considera le proprie storie verità e un esempio per i saggi, e non è concepibile che possano essere irreali.

Considerando questi versetti, tutte le narrazioni del Corano, tra cui quella della creazione di Adamo (A), ecc., sono vicende reali, anche se raccontate in forma di storia e allegoria, infatti il Corano è un libro guida e proviene dalla Verità pura, non è quindi possibile che narri storie inventate per guidare. Di principio Iddio l’Altissimo non ha bisogno di fare una tale cosa. Narrare storie è uno dei metodi per guidare e far comprendere un argomento; anche i nostri grandi sapienti utilizzano al meglio quest’arte per esprimere i propri fini. Nelle storie umane non è un problema utilizzare la fantasia, ma il Corano non è un libro di storie e di narrazioni. Esso non contiene altro che verità e la verità non può essere mescolata ad elementi fantastici, inventati e irreali, ché in questo caso non sarebbe più verità.

Fondamentalmente una delle caratteristiche dell’invito dei Profeti divini (A) è di evitare l’impiego di metodi sgradevoli per diffondere la religione, che alterano la fiducia degli interlocutori, pertanto il Profeta dell’Islam (S), come i Profeti precedenti (A), non aveva bisogno di inventare leggende o storie irreali per trasmettere il messaggio divino, da affermare che le narrazioni del sacro Corano non siano vere.

L’allamah Tabatabai, confutando la teoria di coloro che affermano che le storie del Corano sono simboliche, riguardo ai versetti che parlano di Azar, lo zio del profeta Abramo (A), afferma: “Alcuni ricercatori pensano che il sacro Corano in molte delle sue storie dei popoli antichi, non cita i loro elementi principali come il tempo, il luogo, le condizioni naturali, sociali e politiche, pertanto nelle storie del Corano è stato scelto un metodo narrativo per raggiungere meglio l’obiettivo, senza che la verità venga distinta dalla falsità; perciò è possibile che per giungere al proprio fine (cioè guidare gli esseri umani verso la beatitudine), il Corano faccia uso di narrazioni diffuse tra il popolo e la Gente del Libro, anche se non si è sicuri della loro veridicità, o addirittura siano storie inventate. Queste affermazioni sono sbagliate, infatti il Corano non è né un libro di storia né una narrazione fantastica, ma è un libro inviolabile in cui la falsità non trova accesso; è la parola di Dio, che non dice altro che la verità e per giungere a essa non esige l’aiuto della falsità. Com’è possibile che la destinazione sia la verità assoluta e allo stesso tempo, in qualche modo, abbia accesso la falsità?!”[4].

Il martire Motahhari, trattando della necessità che i metodi di propaganda religiosa siano leciti, cita la teoria secondo cui le storie del Corano non sono reali e non ve n’è traccia nelle narrazioni storiche, quindi afferma: “Tutte le vicende che avvengono nel mondo sono forse riportate nei libri di storia?”, in seguito confutando coloro che sostengono che lo scopo delle storie nel Corano non sia storico ma educativo, quindi non è necessario, secondo loro, che queste storie siano vere, sostiene: “È impossibile, in base alla logica profetica, che i Profeti (A) per esprimere una verità ricorrano a vicende non accadute o alle menzogne, ancorché simboliche”[5].

Nel Corano, per la sua saldezza, argomentazione e armonia con la natura intrinseca e l’intelletto dell’essere umano, non può insinuarsi la falsità: “non lo tange la falsità in nessuna delle sue parti e in nessun modo”[6]. Una delle accuse che i nemici dell’Islam rivolgevano al nobile Messaggero (S) era di insinuare che aveva portato invenzioni poetiche e fantasticherie. Iddio di fronte a queste false accuse, ribadisce che egli non era un poeta: “Non gli abbiamo insegnato la poesia, non è cosa che gli si addice”[7].

Il Corano non presenta mai storie simboliche e irreali come vere, e se vuole narrare un evento realmente accaduto, lo racconta sottoforma di storia. Le storie del Corano non sono inventate, sono verità accadute nel passato, e il Corano non le narra per intrattenere la gente, ma per dedurne conclusioni vere per guidare, educare e purificare le persone, è per questo che Iddio descrive le storie del Corano come verità e le migliori narrazioni: “Racconta loro, in tutta verità, la storia dei due figli di Adamo”[8].[9]

Tuttavia si può dire che solo ciò che viene citato come esempio in riferimento a un soggetto generale, e non a un individuo in particolare, è allegorico; infatti in questi casi è espressamente menzionato l’aspetto allegorico, per esempio “assomigliano al ragno che si è dato una casa”[10] oppure “sono come bestiame di fronte al quale si urla, ma che non ode che un indistinto richiamo”[11], non si può negare che queste similitudini possano essere applicate a più referenti simili, però ciò che viene narrato in qualità di vicende reali e accadute non può essere considerato leggenda, simbolo o allegoria.

Come sappiamo le similitudini sono di due tipi: reali e irreali, gli esempi reali sono quelli accaduti nel passato e l’autore per spiegare i propri concetti all’interlocutore utilizza queste vicende storiche, talvolta invece usa esempi irreali. Le storie del Corano sono tutte vicende accadute nel passato, narrate come esempio da cui dedurre conclusioni edificanti, ed è per questo che Iddio dice al Suo Messaggero (S): “Proponi loro la metafora …”[12], per Iddio non è un problema proporre esempi dalle realtà della natura: “In verità Allah non si vergogna di citare l’esempio di una zanzara o qualcosa di più [piccolo] di essa”[13].

Pertanto tutto ciò che il Corano narra come esempio o storie è per spiegare una profonda verità, rendendola così più semplice e comprensibile a tutti. Il Corano non presenta mai una cosa simbolica e irreale come reale e se vuole raccontare una vicenda accaduta realmente la narra sottoforma di storia: “Ti racconteremo la loro storia secondo verità”[14].[15]

Conclusione

La lingua del Corano per quanto concerne le storie, sia dal punto di vista del metodo di narrazione che del contenuto, si fonda sulla verità e la sincerità, pertanto nessun argomento irreale e falso è presente in esso. Non è quindi corretto suddividere le storie del Corano in base al fatto che in esse siano presenti fantasticherie o leggende, poiché tutto ciò che il sacro Corano narra delle vicende accadute nel passato, per le motivazioni che abbiamo citato, è veritiero, anche se non fossero vicende tecnicamente storiche, infatti il Corano non è né un libro di storia, né ha il fine di raccontare i fatti storicamente, ed è per questo che racconta solo alcuni aspetti di queste storie, in base ai suoi fini.

 



[1] Per esempio: Mohammad Baqer Sa'idi Rushan, Tahlil-e Zaban-e Qor'an va Ravesh-shenasi-e Fahm-e an; Abolfazl Sajedi, Zaban-e Din va Qor'an.

[2]

"لَقَدْ کَانَ فِی قَصَصِهِمْ عِبْرَةٌ لِّأُوْلِی الأَلْبَابِ مَا کَانَ حَدِیثاً یُفْتَرَى وَ لَـکِن تَصْدِیقَ الَّذِی بَیْنَ یَدَیْهِ وَ تَفْصِیلَ کُلَّ شَیْء وَ هُدًى وَرَحْمَةً لِّقَوْم یُؤْمِنُونَ".

Sacro Corano 12:111.

[3]

"وَ کُـلّاً نَّقُصُّ عَلَیْکَ مِنْ أَنبَاء الرُّسُلِ مَا نُثَبِّتُ بِهِ فُؤَادَکَ وَجَاءکَ فِی هَـذِهِ الْحَقُّ وَ مَوْعِظَةٌ وَ ذِکْرَى لِلْمُؤْمِنِینَ".

Sacro Corano 11:120.

[4] Cfr.: Seyyed Mohammad Hosseyn Tabatabai, Al-Mizan, vol. 7, pp. 165 e 166, Jame'e-ye modarresin, Qom.

[5] Cfr.: Morteza Motahhari, Majmu'e-ye Athar, vol. 16, pp. 99 e 100, Sadra, Teheran, 1999.

[6]

"لَا یَأْتِیهِ الْبَاطِلُ مِن بَیْنِ یَدَیْهِ وَلَا مِنْ خَلْفِهِ".

Sacro Corano 41:42.

[7]

"وَ مَا عَلَّمْنَاهُ الشِّعْرَ وَ مَا یَنبَغِی لَهُ".

Sacro Corano 36:69.

[8]

"وَاتْلُ عَلَیْهِمْ نَبَأَ ابْنَیْ آدَمَ بِالْحَقِّ".

Sacro Corano 5:27.

[9] 'Abdollah Javadi Amoli, Tafsir-e Mozu'i-e Qor'an, vol. 1, pp. 298-301, Markaz-e nashr-e Isra', Qom, 1999.

[10]

"کَمَثَلِ الْعَنکَبُوتِ اتَّخَذَتْ بَیْتاً".

Sacro Corano 29:41.

[11]

"کَمَثَلِ الَّذِی یَنْعِقُ بِمَا لاَ یَسْمَعُ إِلاَّ دُعَاء وَنِدَاء".

Sacro Corano 2:171.

[12]

"وَ اضْرِبْ لَهُمْ مَثَلاً رَجُلَیْنِ جَعَلْنا لِأَحَدِهِما جَنَّتَیْنِ مِنْ أَعْنابٍ وَ حَفَفْناهُما بِنَخْلٍ وَ جَعَلْنا بَیْنَهُما زَرْعا".

“Proponi loro la metafora dei due uomini: ad uno di loro demmo due giardini di vigna circondati da palme da datteri, separati da un campo coltivato”, Sacro Corano 18:32.

[13]

"إِنَّ اللَّهَ لا یَسْتَحْیی‏ أَنْ یَضْرِبَ مَثَلاً ما بَعُوضَةً فَما فَوْقَها فَأَمَّا الَّذینَ آمَنُوا فَیَعْلَمُونَ أَنَّهُ الْحَقُّ مِنْ رَبِّهِم‏".

“In verità Allah non si vergogna di citare l’esempio di una zanzara o qualcosa di più [piccolo] di essa. Coloro che credono sanno che si tratta della verità che proviene dal loro Signore”, Sacro Corano 2:26.

[14] Sacro Corano 18:13.

[15] Cfr.: 'Abdollah Javadi Amoli, Tafsir-e Mozu'i-e Qor'an, vol. 1, pp. 299 e 300, Markaz-e nashr-e Isra', Qom, 1999.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Numero di commenti 0
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

  • Numerosi versetti del sacro Corano elogiano i compagni del Profeta (S), perché dunque gli sciiti li biasimano?
    6348 Teologia antica 2012/04/04
    Senza dubbio i versetti che lei ha utilizzato e molti altri sono stati rivelati per elogiare i veri seguaci del Profeta (S). Analizzando però attentamente questi versetti e altri punti del Corano dove alcuni compagni vengono biasimati, e parimenti, se studiamo la storia dei popoli che ...
  • È permesso tradire la fiducia di miscredenti e ingannatori quando si costudisce un loro deposito?
    6058 Etica pratica 2011/12/21
    Ciò che ci dicono gli insegnamenti delle nostre guide religiose è che un operaio o chiunque altro di cui un’altra persona si fida e gli affida un deposito, non deve tradire la fiducia dell’altra parte, anche se questa (il datore di lavoro o altri) fosse una persona ...
  • A che condizioni una supplica sarà sicuramente esaudita?
    7589 Etica pratica 2011/08/13
    Il termine du'a significa chiamare, richiedere un desiderio e aiuto; a volte, invece, s’intende il solo chiamare in generale. Nella terminologia religiosa significa “avanzare una richiesta a Iddio l’Altissimo”. La parola du'a e i suoi derivati, nel sacro Corano, sono stati utilizzati con tredici significati diversi.
  • Anche i comuni esseri umani possono essere infallibili?
    6971 Teologia antica 2010/11/22
    Infallibilità ('ismat) significa essere immuni, al sicuro e impedirsi di compiere peccati e avere dimenticanze; essa possiede vari livelli, di cui quelli più alti sono una prerogativa dei Profeti e dei loro Successori (A) ed è dimostrabile solo per essi, giacché versetti, hadìth e il fatto ...
  • Perché è possibile esporre un progetto equilibrato riguardo alla globalità del pensiero islamico?
    5972 Teologia moderna 2010/07/17
    L’Islam è l’ultima e più completa delle religioni rivelate, perciò da parte sua esigiamo una presa di posizione e l’esposizione di istruzioni in qualsiasi campo della vita umana, sia personale che sociale. La teoria del pensiero sistematico nell’Islam è una teoria equilibrata concernente la globalità della religione islamica. ...
  • Perché Iddio non ha curato la malattia degli ipocriti, e l’ha invece aggravata?
    10163 Esegesi 2012/10/01
    Iddio l’Altissimo ha creato l’essere umano libero e dotato di libero arbitrio, in altre parole, la perfezione umana si ottiene attraverso la scelta e il volere. Perciò se individui come gli ipocriti scelgono la via della deviazione di propria volontà, non ha senso che Iddio li guidi ...
  • Quali sono la punizione e i danni dell’autoerotismo?
    11806 Etica pratica 2011/08/20
    L’autoerotismo è un atto vietato e un peccato maggiore. Ogni qualvolta un individuo commette questo gesto perverso, deve compiere il ghusl, pentirsi e smettere. Questo atto provoca molti danni: ad esempio per le ragazze è possibile che venga danneggiato l’imene e causi delle infezioni. Inoltre indebolisce la vista, ...
  • Una donna può interagire ampiamente con altri utenti di Internet senza il permesso del marito?
    5387 Diritto e Precetti 2012/04/15
    Le risposte dei marja' taqlid in merito a questa domanda sono le seguenti: Khamenei: “Se non richiede l’utilizzo dei beni del marito, il permesso non è necessario; tenete però presente che i rapporti con non-mahram che generalmente possono essere causa di corruzione e nei quali ...
  • Come si può definire e dimostrare il miracolo?
    10171 Scienze Coraniche 2013/05/26
    Con miracolo s’intende un atto soprannaturale che da una parte è accompagnato da una sfida e dall’altra corrisponde all’affermazione presentata da colui che compie il miracolo. Un atto è soprannaturale quando supera i limiti delle leggi ordinarie della natura. Quando diciamo che il miracolo è un atto ...
  • Considerando le varie accezioni del termine wilayah, qual è il suo vero significato?
    6337 Teologia antica 2010/12/22
    Wilayah proviene dalla radice “waw-lam-ya” e assume vari significati; tra questi, quello che ci interessa è “la tutela e l’amministrazione delle questioni affidate al mawla, il quale esercita un certo tipo di dominio su di esse”. Il significato tecnico invece è: la tutela di un individuo ...

Le più visitate

  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    62316 Diritto e Precetti 2011/05/22
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    39046 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    36686 Etica 2011/12/21
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    33654 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    30268 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    26823 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    23425 Diritto e Precetti 2012/06/09
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è la norma che regola la depilazione femminile delle sopracciglia? E di fronte al marito?
    22710 Diritto e Precetti 2013/12/19
    L'atto di depilare le sopracciglia per le donne, di per sé, non presenta problemi. Nell'Islam è considerato meritorio truccarsi per il marito e una donna che trascuri il trucco e l'abbellirsi per il marito, è biasimata. Pertanto i giurisperiti sciiti, nonostante incitino le donne a rispettare tale ...
  • Vi sono versetti del Corano o du'a per aver successo e aumentare il rendimento nello studio?
    19892 Etica pratica 2011/08/20
    Lo studio consiste nell’osservare una cosa con precisione e attenzione per capire e ottenere informazioni. Perciò ogni lettura priva di queste caratteristiche non è considerata “studiare”. È ovvio che lo studio, come ogni altra azione, richiede il rispetto di certe condizioni tramite cui ottenere un rendimento utile ...
  • Perché l’uomo non può indossare l’oro?
    19742 Filosofia del diritto e dei precetti 2011/05/08
    Questa domanda non ha una risposta concisa; selezionate la risposta dettagliata. ...