Ricerca Avanzata
Visite
6421
Data aggiornamento: 2010/07/18
Domanda concisa
L’essere umano è eterno? E se lo è, perché non lo sperimenta in questo mondo?
Domanda
L’essere umano è eterno? E se lo è, perché non lo sperimenta in questo mondo?
Risposta concisa

Una caratteristica preziosa dell’essere umano, dal punto di vista coranico, è che egli è come un uccello celeste e questo mondo è solo un nido momentaneo e un ponte per passare dalla sua natura terrestre a quella divina. L’essere umano racchiude in sé un’innata tendenza all’immortalità e cerca di sfuggire alla morte e ai propri limiti.

L’essere umano si compone di due dimensioni: uno è l’anima “parlante”, che è la sua vera essenza, e l’altro il suo corpo, che è uno strumento a disposizione del primo. L’anima proviene dal mondo celeste ed è immateriale, mentre il corpo è terrestre dotato di caratteristiche materiali come colore, forma, volume ed estensione.

Una delle prove per dimostrare l’immaterialità dell’anima è che, nonostante il passare del tempo e l’indebolimento del corpo, l’anima parlante si rafforza. Dio, lode a Lui, vuole far capire all’essere umano che egli è una creatura eterna ma che l’eternità non appartiene a questo mondo, bensì è presso Dio e non si raggiunge se non obbedendo ai Suoi ordini.

Concludendo, il mondo è uno stadio di passaggio ed essendo limitato (poiché è materiale e una delle caratteristiche delle cose materiali è il loro esaurimento), non possiamo trovare l’eternità in esso; l’anima, essendo celeste e andando di là del tempo, anela all’eternità che potrà sperimentare solo nell’altro mondo.

Risposta dettagliata

La realtà dell’essere umano è come un libro che necessita di essere spiegato e il suo interprete non può essere altri che Colui che l’ha “scritto”, cioè il Creatore dell’Universo, infatti, Egli è lo scrittore e il locutore di questo libro. Dio, lode a Lui, ha esposto la realtà dell’essere umano attraverso i suoi Profeti (a), i devoti e gli angeli: dicendo da dove viene, dove va e quale via sta percorrendo, fa in modo che l’essere umano possa conoscere se stesso, il suo Creatore, il suo passato, presente e futuro. Se l’essere umano non affida la spiegazione della sua realtà a Dio, saranno altri a interpretarla e a creare l’antropologia: allora la altereranno e spiegheranno a proprio piacimento, come hanno fatto con i Libri celesti precedenti, ne nasconderanno alcuni segreti e le attribuiranno elementi estranei in qualità di desideri dell’essere umano confondendo i suoi veri desideri. Questi sono grandi errori nell’interpretazione dell’essere umano.

Una caratteristica preziosa riguardo all’antropologia, dal punto di vista coranico, è chiedersi se il suo inizio e la sua fine siano la terra; se prima e dopo la sua creazione vi sia il nulla; o invece egli è come un uccello celeste, cui hanno costruito una gabbia che è il corpo e questo mondo è solo un nido momentaneo e un ponte per passare dalla sua natura terrestre a quella divina?

Il sacro Corano sceglie la seconda possibilità e ci insegna dov’era prima l’essere umano, in seguito dove andrà, in questi pochi giorni che si trova in questo mondo cosa deve fare[1] e perché egli, nel più profondo sé, vuole l’eternità e istintivamente cerca di sfuggire alla morte, ai propri limiti e alle proprie mancanze.

L’anima è una realtà celeste

L’anima umana appartiene al regno dell’amr (secondo la terminologia della filosofia islamica, il regno dell’amr - lett. ordine - sono i regni precedenti a quello naturale) e questo concetto deriva da un versetto del Corano: “Sappiate che la creazione e l’ordine spettano a Dio[2]. Un segreto si cela in questo termine, che denota l’unità e l’insieme, secondo ciò che dice il Corano: “E il Nostro ordine non è che uno, come un battito di ciglia[3].

Nella creazione la quantità è influente, soprattutto nel regno naturale dove il creato è il risultato di quantità e qualità, e la molteplicità deriva dalla creazione. Come già citato l’anima parlante, cioè lo spirito umano, è un elemento del mondo immateriale (regno dell’amr), mentre il corpo è un elemento del mondo del creato (ovvero naturale o materiale). Perciò l’anima umana non possiede caratteristiche materiali come colore, quantità, qualità, lunghezza, larghezza, profondità, forma, ecc.[4]

Essenzialità dell’anima e accidentalità del corpo

L’essenza di ogni individuo è la sua anima e il corpo è uno strumento dell’anima, indipendentemente dal fatto che egli abbia un corpo in questo mondo, nel barzakh e nell’Aldilà; anche se egli, allo stesso modo di come ha un corpo in questo mondo ed esso è un accidente (e non l’essenza, né parte di essa), ne avrà uno anche nel barzakh e nell’Aldilà.

Il sacro Corano associa il corpo, che è secondario, alla natura, terra e argilla; invece l’anima, che è l’essenza, la connette a Dio, dicendo: “Dì: Lo spirito proviene dall'ordine del mio Signore”[5].[6]

L’integrità nella creazione dell’anima

Dio ha creato l’essere umano in modo integro: anche se è possibile che il suo corpo abbia dei difetti, pur se irrilevanti, e in proporzione ad essi sia svincolato da doveri divini, Dio non ha creato anime difettose, perciò il Corano dice: “per l'anima e Ciò che l'ha creata integralmente”.[7]

Quindi viene spiegato che l’integrità dell’anima consiste nel fatto che le è stata ispirata empietà e devozione (cioè a riconoscerle), poiché l’anima non ha forma né aspetto, né corpo tale che la sua integrità o incompletezza sia percepibile con i sensi, ma quest’ultima dipende da un concetto immateriale, perciò il Corano dice: “Quindi le abbiamo ispirato empietà e devozione”[8], vale a dire: è l’ispirazione di empietà e devozione che rende la creazione dell’anima integra (tale che l’essere umano attraverso questa ispirazione è in grado di discernere il bene dal male).[9]

L’immaterialità dell’anima

Le cose sono o materiali o immateriali e ciascun tipo ha le sue prerogative: per esempio, le cose materiali possiedono forma, volume, colore, peso, ecc., mentre quelle immateriali non hanno né caratteristiche temporali né spaziali, né forma, peso, volume o colore. Quindi, poiché non esiste una via di mezzo tra le due, se si dimostra che un oggetto non è materiale e non possiede le caratteristiche degli oggetti materiali, esso sarà immateriale, e questo principio varrà anche nel caso contrario. Tra le varie argomentazioni esposte dai filosofi per dimostrare l’immaterialità dell’anima, ne citeremo una: col passare del tempo, il corpo s’indebolisce, mentre l’anima parlante si rafforza.

Quando l’essere umano raggiunge la vecchiaia, il suo corpo è svigorito e più invecchia più s’indebolisce, mentre la sua mente si rafforza, la sua scrittura diventa più autorevole, le sue parole più posate. Perciò l’anima parlante dell’essere umano, che col passare del tempo diventa più forte, è altro rispetto al corpo che invecchia e deperisce[10], quindi è immateriale.

L’essere umano e l’eternità

Il mondo naturale è più familiare agli esseri umani poiché essi percepiscono maggiormente con i sensi, più vicini alla natura, mentre l’intelletto è più lontano. Perciò le cose sensibili e mondane attraggono le persone sensibili, invece la persona razionale, poiché non dà importanza al mondo, non ne è sopraffatto. L’indole umana è propensa all’eternità, come disse Molla Sadra: “Dio ha posto nell’essere umano un’innata inclinazione verso l’essere e l’eternità, e un’innata repulsione verso il non essere e l’annullamento”.[11] Perciò i beni fugaci non lo soddisfano; se invece si sottomette alla natura, o è perché la considera erroneamente eterna, o perché ha dimenticato l’eternità dopo la morte, o perché affetto inconsapevolmente da ignoranza o disattenzione. Il sacro Corano dice chiaramente che ogni essere umano necessariamente muore.[12] Quindi l’eternità in questo mondo non è possibile. Dio, lode a Lui, vuole far capire all’essere umano che egli è una creatura eterna e l’eternità non appartiene a questo mondo, ma è presso Dio. Il sacro Corano recita: “Quello che è presso di voi si esaurisce, mentre ciò che è presso Allah è eterno”[13], poiché voi esseri umani siete eterni, non sprecate inutilmente la vostra eternità, i beni eterni non sono presso altri che Dio. Se volete l’elisir della vita eterna, esso è solo presso Dio.[14]


[1]Javadi Amoli Abdollah, Tafsir-e mouzu'i Qor’an-e karim, Surat va sirat-e ensan dar Qor'an, pp. 35 e 38.

[2] Sacro Corano 7:54.

[3] Sacro Corano 54:50.

[4] Hasanzade Amoli Hasan, Nusus al-hikam bar fusus al-hikam, fass 31, pag. 179.

[5] Sacro Corano 17:85.

[6] Javadi Amoli Abdollah, Zan dar ayineye jalal va jamal, pag. 68.

[7] Sacro Corano 91:7.

[8] Sacro Corano 91:8.

[9] Javadi Amoli Abdollah, Keramat dar Qor'an, pag. 33.

[10] Hasazade Amoli Hasan, Ma'refat-e nafs, 2° vol., pag. 176.

[11] Sadr al-Mota'allihin Shirazi Muhammad Ibrahim, Asfar Arba'a, vol. 4, pag. 163

stampa antica).

[12] Sacro Corano 3:185.

[13] Sacro Corano 16:96.

[14]Javadi Amoli Abdollah, Keramat dar Qor'an, pag. 116.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Numero di commenti 0
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

  • Secondo il Corano e gli hadìth, quali atti annullano le azioni probe e lodevoli?
    5152 Etica pratica
    Nel Corano e negli hadìth, credere in Dio e allontanarsi dalla miscredenza e dall’apostasia, sono considerate le condizioni fondamentali, affinché le buone azioni siano accettate. Senza di queste, nessuna buona azione è accettata.Ciò di cui discuteremo nella risposta dettagliata, sono le cause che ...
  • È vietato farsi i tatuaggi?
    6961 Varie
    La risposta dell’ayatollah Mahdi Hadavi Tehrani è la seguente: “Se non è dannoso per il corpo, l’immagine non è oscena e non svilisce la dignità della persona, non è vietato”. Questa domanda non ha una risposta dettagliata. ...
  • Quante sure del sacro Corano sono intitolate con i benedetti nomi dei Profeti divini (A)?
    5933 Esegesi
    Sei sure del sacro Corano sono intitolate con nomi di Profeti (A): Nuh-Noè (71), Ibrahim-Abramo (14), Yunus-Giona (10), Yusuf-Giuseppe (12), Hud (11) e Muhammad (47). Gli esegeti sostengono, in base agli hadìth, che alcune sure del Corano come Taha (20)[1], Yasin (36)
  • Quale sura fu accompagnata da settantamila angeli al momento della sua rivelazione?
    4742 Esegesi
    Secondo quanto riportano gli hadìth, fu una prerogativa della sura al-An'am. Al riguardo l’imam Sadiq (A) disse: “La sura al-An'am fu rivelata tutta in una volta, mentre settantamila angeli la accompagnavano nella discesa verso il profeta Muhammad (S). Pertanto onoratela: infatti in essa è riportato ...
  • Qual è il rapporto tra il volere di Dio e quello dell’essere umano?
    5693 Teologia antica
    L’essere umano è contingente, il suo essere e tutti gli aspetti della sua esistenza gli sono stati donati da Dio ed Egli, con il Suo volere cosmologico, l'ha creato dotato di libero arbitrio e con questa prerogativa l'ha elevato al di sopra degli altri esseri.
  • A quando risalgono i precedenti storici della wilayat al-faqih?
    4968 I sistemi
    La questione della wilayat al-faqih col significato di governodella società islamica da parte di chi ha raggiunto il grado di ijtihad nella giurisprudenza islamica, dal punto di vista di alcuni, è una faccenda recente nella storia del pensiero islamico risalente a meno di due secoli fa. In verità, ...
  • È giusto limitare le donne?
    4509 Etica pratica
    La prosperità della società dipende dal benessere degli individui, sia uomini che donne, e il loro benessere è ottenibile solo attraverso una corretta educazione. L’Islam, riguardo all’educazione dei figli (il primo stadio dell’educazione) e in altri livelli, offre consigli utili, che se messi in pratica correttamente, permetteranno alla ...
  • Quali sono le norme islamiche inerenti all’allevare piccioni? E perché?
    5911 Diritto e Precetti
    Quest'attività di per sé non presenta alcun problema di carattere religioso-shariatico, però normalmente procura fastidio al prossimo e ai vicini. Inoltre in alcune località (come alcune zone dell’Iran), un allevatore di piccioni è visto in modo negativo, quindi si può dire che quest’attività costituisce un problema. Infatti, i ...
  • Che cosa s’intende con “parole pesanti” nel versetto “Faremo scendere su di te parole gravi” (Sacro Corano, 73:5)?
    5892 Esegesi
    Con “parole gravi” nel versetto “Faremo scendere su di te parole gravi”, s’intende il sacro Corano. Nonostante ognuno degli esegeti abbia espresso delle opinioni in merito all’interpretazione di “parole pesanti”, ognuna delle quali analizza uno degli aspetti della questione, apparentemente sembra che la gravità di queste parole, ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    17025 Teologia antica
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...

Le più visitate

  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    40016 Diritto e Precetti
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    31767 Etica pratica
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    27690 Diritto e Precetti
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    27472 Etica
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    26497 Teologia antica
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    25467 Teologia antica
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    19546 Diritto e Precetti
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è la norma che regola la depilazione femminile delle sopracciglia? E di fronte al marito?
    17644 Diritto e Precetti
    L'atto di depilare le sopracciglia per le donne, di per sé, non presenta problemi. Nell'Islam è considerato meritorio truccarsi per il marito e una donna che trascuri il trucco e l'abbellirsi per il marito, è biasimata. Pertanto i giurisperiti sciiti, nonostante incitino le donne a rispettare tale ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    17175 Esegesi
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    17025 Teologia antica
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...